Raphael Gualazzi conquista l'Europa

16 maggio 2011 
<p>Raphael Gualazzi conquista l'Europa</p>

Hai capito Raphael Gualazzi? Zitto zitto (beh, non proprio) il ragazzo è saltato dal primo gradino del podio del Festival di Sanremo, categoria nuove proposte, al prestigioso secondo posto dell'Eurovision Song Contest 2011. Con la sua Madness of love (Follia d'amore), il nostro jazzista ha sbaragliato la concorrenza degli altri 22 brani in gara, cedendo il passo solo al duo dell'Azebaigian Ell e Nikki. L'ottimo piazzamento di Gualazzi ha un sapore particolare perché arriva dopo tredici anni di assenza dell'Italia dalla manifestazione, che sabato sera è stata trasmessa in diretta su Rai 2. La tiepida, per non dire glaciale, risposta dei telespettatori di casa nostra - 1.291.000 spettatori per il 6,43% di share - è un ulteriore motivo d'orgoglio per il musicista, essendo stato il piazzamento ottenuto tramite il televoto e senza il massiccio contributo dei connazionali che, come da regolamento, non potevano esprire la loro preferenza sul concorrente italico.

Un applauso a scena aperta, dunque, a Raphael, nella speranza che diventi presto profeta anche in patria.

Battito convinto di mani anche per Raffaella Carrà , dimostratasi sabato sera più in forma che mai. Frizzante e  professionale, la Carrà ha dimostrato di aver ancora qualcosa da dire e da dare alla tivvù nostrana. Chissà che il nuovo vertice in rosa di Viale Mazzini, Lorenza Lei ha preso il posto di Mauro Masi, non decida di darle nuovamente spazio.

Una tirata d'orecchie, invece, al team di Tv Talk. Avete presente le vuvuzela durante i Mondiali dell'estate scorsa? Ecco: il contributo dei commentatori in erba schierati da Viale Mazzini per fare da controcanto ai presentatori ufficiali della manifestazione è stato ugualmente fastidioso (peccato non sia stato lo stesso anche il piazzamento dei nostri colori). Lo scivolone potrebbe essere costato a Rai 2 qualche telespettatore, migrato sul Web e sul satellite per poter seguire i brani in santa pace.

Una stretta di mano agli organizzatori della manifestazione. Così si fa una gara canora in tv, chi ha orecchie per intendere intenda: ritmo sostenuto, tanta musica e poche chiacchiere. Quando c'è la sostanza non serve infiocchettare (eccessivamente) il tutto e sul prodotto creato ad arte si impone l'arte stessa. In gara, tanto per fare un esempio, per la Gran Bretagna c'era la boy band Blue e a poco è servito il loro passato in testa alle classifiche di vendita. Un buffetto per loro, solo undicesimi.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Ivano 67 mesi fa

Per la cronaca sono uno di quelli che ha cambiato canale per vederla sulla tv satellitare spagnola. I ragazzi di TV TALK mi piacciono su raitre, ma in questo caso era preferibile mantenere il format tradizionale dell'evento senza troppi interventi. Comunque brava Raffaella che ci ha messo la faccia. Speriamo di tornare anche il prossimo anno, magari non faremo mai grandi ascolti, però fa bene alla musica italiana e soprattutto non esserci ci isola dall'europa in questo contesto

alex 67 mesi fa

Dalla prima. Volta che l ho sentito ho capito che aveva stoffa. Anche se non sono amante del jazz é davvero bravo. Dovrebbe solo curare la parte tecnico vocale.

giovanna 67 mesi fa

raphael sei grande sento il tuo disco tutti i giorni sei la mia follia d'amore

rputzolu 67 mesi fa

il mio commento è assolutamente di parte, ma in Italia abbiamo un jazz strepitoso :-)

buongiorno Anna, buongiorno Luigi, grazie per la segnalazione, stiamo già provvedendo a rendere meglio esplicito il passaggio che ha generato misunderstanding

martina 67 mesi fa

ho travato anch'io i commentatori troppo invasivi, si doveva lasciare più spazio allo show, infatti sono migrata sul satellite. Comunque se fosse stato più pubblicizzato sicuramente avrebbe avuto un maggior successo dal punto di vista degli ascolti.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).