Jodie Foster: «Faccio film per stare meglio
(e Mel è un amico, amato a Hollywood)»

17 maggio 2011 
PHOTO GETTY IMAGES

Jodie Foster conquista immediatamente la platea di giornalisti attaccando a parlare in un francese perfetto, perla rara tra le star hollywoodiane. Del resto definirla una diva sarebbe riduttivo. Attrice fin da bambina, premio Oscar, personalità forte e intelligente, nonché regista, è in quest'ultima veste che si presenta a Cannes, dove è appena stato proiettato il suo terzo lungometraggio, The beaver.
>> GUARDA IL PHOTOCALL

Il film, in cui oltre alla stessa attrice-regista recita Mel Gibson, parla di uomo (Gibson) alle prese con un fortissimo crollo psicologico, che riesce ad aggirare tramite l'inaspettato aiuto che gli fornisce un pupazzo-marionetta. Attraverso questo castoro (il beaver del titolo), comunica con il mondo. Difficile promuovere un film che parte da un canovaccio del genere, ma altrettanto difficile è non fidarsi di Jodie Foster, che così racconta la scelta di affrontare, seppur in modo paradossale, un tema serio come la depressione: «Gli attori amano la psicologia. Per questo facciamo gli attori. (…) Io faccio film sulle crisi spirituali, come quella che attraverso il protagonista Walter. Fare film è la mia maniera di far fronte alle mie crisi personali. È qualcosa che ti permettere di andare avanti nella vita. È un processo di guarigione».

E sul lavoro svolto da Mel Gibson, che non era presente all'incontro con la stampa: «Sapevo che Mel non avrebbe avuto problemi a essere diretto da me. Se fosse stato un attore diverso, forse sarei andata in un'altra direzione. Mel ha capito in profondità il personaggio di Walter. Era pronto a mostrarsi nel suo affrontare una battaglia, qualcosa di cui lui ha esperienza. Ne abbiamo parlato molto durante le riprese. Per Mel, girare questo film è stato molto importante. Se che ne è estremamente fiero».

E poiché non è casuale l'assenza di Mel dinanzi ai giornalisti (l'ultimo scandalo che l'ha coinvolto riguarda le accuse di violenze ai danni alla ex Oksana Grigorieva), Jodie Foster, che è amica di Gibson da quando i due lavorarono insieme nel film Maverick, si sente di essere protettiva nei suoi riguardi: «Non posso scusare il comportamento di Mel, solo lui può farlo - ha dichiarato oggi ai reporter - Ma conosco l'uomo che conosco, un amico di lunga data e l'uomo più amato a Hollywood». Non contenta dell'azzardo sul 'beniamino di Hollywood', l'attrice premo Oscra continua: «Come amico è gentile e premuroso, e posso passare ore al telefono con lui parlando della vita. Ed è una persona complessa, apprezzo la sua complessità e il modo in cui si traduce nel suo lavoro»

>> PAROLE DI CANNES: I PROTAGONISTI RACCONTANO I LORO FILM

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).