Antonio Banderas: «Pedro mi riporta alle mie radici»

19 maggio 2011 
PHOTO GETTY IMAGES

«Voglio ringraziare pubblicamente Pedro - Ha detto oggi alla stampa Antonio Banderas, dopo la proiezione di Piel que habito di Almodóvar -Per avermi portato in un territorio che mi era nuovo e sconosciuto.
>> GUARDA IL PHOTOCALL

Il nuovo film del regista spagnolo infatti è un thriller, con un protagonista crudele, senza scrupoli, che si trova in una situazione estrema. Banderas interpreta un medico estetico ossessionato dall'idea di ricreare la pelle umana, dopo che la moglie ha perso la vita in un incidente in cui la sua auto aveva preso fuoco.

Niente più melodrammi, quindi, per il regista di Tutto su mia madre, né surreali giochi di colore come i suoi classici (da Donne sull'orlo di una crisi di nervi a La legge del desiderio, entrambi con un giovanissimo Banderas).

Dichiara anzi, Almodóvar, di essersi ispirato a Fritz Lang, il maestro del noir della Hollywood classica, e di avere inizialmente voluto girare il film in bianco e nero. Tuttavia, nonostante il cambio di genere, resta un forte legame tra il regista spagnolo e l'attore ormai emigrato a Hollywood: «Lavorare di nuovo con Pedro -ha aggiunto Banderas - è stato come tornare alle mie radici. Devo a lui la mia prima educazione artistica»
>> GUARDA IL RED CARPET

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).