Florrie, promessa pop in Dolce&Gabbana

15 giugno 2011 
<p>Florrie, promessa pop in Dolce&amp;Gabbana</p>

Il Guardian, nella rubrica New Music, ha definito il suo nuovo Ep Experiments, un lavoro con "brillanti momenti di pop", "costruito attorno a riff deliziosi e chitarre leggere", e ancora, la risposta contemporanea al fenomeno tutto inglese Girls Aloud, girl band che, nel tempo, ha portato alla ribalta la bella e non meno talentuosa Cheryl Cole.
Più di lei, Florrie, inglese di Bristol, 23 anni, vero nome Florence Arnold, ha viso e fisico da passerella (e in effetti è modella, ad esempio per Nina Ricci beauté), e non scherza nemmeno a talento per la musica e determinazione.
Cantante ma anche polistrumentista, ha già lavorato, come percussionista, per Kylie Minogue e Pet Shop Boys (nonché per le stesse Girls Aloud), eppure, nonostante l'esperienza e il look modaiolo, al mainstream e al successo su grande scala nel mondo delle major, ha per ora preferito un percorso da artista indipentente.
Alcuni suoi lavori, ad esempio, sono disponibili per il download gratuito sul suo sito (www.florrie.com), con un rapporto molto diretto con il pubblico.

Il prossimo appuntamento, in attesa che il Florrie-sound faccia nuovi proseliti, dopo aver attirato su di sé l'attenzione di The Guardian, Pitchfork, Vogue ed NME, è in video, il 22 giugno 2011 su www.swide.com, con la canzone I took a little something raccontata per immagini dal fotografo di moda e videomaker Justin Wu in una Parigi che include location glam, come gli spazi Baccarat e Pierre Herme, in cui la cantante, in total look Dolce&Gabbana, si muove con fare misterioso.

ASCOLTA EXPERIMENTS E SCARICALO SU ITUNES

GUARDA L'ANTEPRIMA VIDEO DI I Took A Little Something

>> FLORRIEMUSIC SU YOUTUBE

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).