Milly Carlucci vs Mediaset: «Mi hanno copiato Ballando con le stelle!»

08 luglio 2011 
<p>Milly Carlucci vs Mediaset: «Mi hanno copiato Ballando con le
stelle!»</p>
PHOTO SGP ITALIA

È difficile immaginare Milly Carlucci che si arrabbia. La vediamo sempre calma, sorridente e pacata, anche quando si trova a gestire una situazione difficile. Stavolta, però, proprio non è riuscita ad evitare l'irritazione.

Dopo settimane di preoccupazione, è passata alle vie di fatto e ha dato mandato al suo avvocato di intentare un'azione legale nei confronti di Canale 5. La rete, infatti, sta preparando per settembre un nuovo programma, «Baila!», che secondo la Carlucci sarebbe identico a «Ballando con le stelle».

Si tratta, in effetti, di un programma in cui alcuni vip, in coppia con persone comuni, si sfideranno in una gara di ballo. Anche la scenografia e i costumi dei concorrenti sembrerebbero essere straordinariamente simili a quelli del format di Rai Uno.

Milly Carlucci, che è conduttrice ma anche autrice del programma, si è ulteriormente innervosita quando ha scoperto che Mediaset avrebbe contattato i ballerini di «Ballando con le stelle» chiedendo loro di passare alla concorrenza.

Il format di «Baila!», che sarà condotto da Barbara D'Urso, è stato regolarmente acquistato dalla casa di produzione Televisa (il titolo originale è «Dancing for a dream»). Ma questo non risolve il problema: Televisa, infatti, è accusata di plagio dalla BBC, la casa che ha creato «Strictly come dancing» (il format di «Ballando con le stelle»). Come dire, se Televisa ha copiato dalla BBC, di riflesso anche «Baila!» è copiato da «Ballando con le stelle».

E allora che succederà? È ancora tutto da vedere. Certamente a settembre rivedremo Milly Carlucci calma e sorridente, come siamo abituati a vederla. Dentro di sè, però, probabilmente non sarà così tranquilla.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).