George Clooney a Venezia tra Le idi di marzo e (forse) una nuova ragazza

14 luglio 2011 
PHOTO GETTY IMAGES

«Ci vedremo a Venezia: io sarò quello con lo smoking e una nuova ragazza». Bastano poche parole e immediatamente l'attenzione si sposta (di nuovo) dal film Le idi di marzo all'eventuale nuova fidanzata.

E può anche essere che George Clooney, conscio della reazione mediatica che la dichiarazione avrebbe provocato, abbia regalato questa frase al cronista di Repubblica apposta per attirare l'attenzione sul suo nuovo lavoro, scelto per aprire il Festival del Cinema di Venezia.

Le idi di marzo, di cui Clooney è regista e sceneggiatore, oltre che attore, racconta le vicende di un giovane consulente politico che fa parte dello staff per la campagna presidenziale di un governatore democratico degli Stati Uniti.

Costato 12 milioni di dollari (nel cast anche Ryan Gosling e Paul Giamatti), il film è una denuncia della corruzione che serpeggia nel mondo della politica. Il tema è certamente uno di quelli davvero universali. «Basta vedere quello che succede in Francia e in Italia, dove la politica procede tra uno scandalo e l'altro da secoli - dice Clooney al corrispondente di Repubblica -, ma anche negli Stati Uniti, in Russia o nei paesi arabi».

Nell'intervista Clooney parla a lungo del suo film e si barrica dietro a un «no comment» sulla rottura con Elisabetta Canalis.
In fondo, forse, George ha ragione: che si presenti con Sandra Bullock (come sostiene il popolo delle scommesse), con una nuova ragazza misteriosa o con sua madre (perchè no?), probabilmente l'aspetto più interessante della sua presenza a Venezia sarà proprio Le idi di marzo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sonia 66 mesi fa

clooney ha già smentito negli usa seccamente bollando la notizia come ridicola bugia

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).