Will e Kate, il Foreign Office li vuole come testimonial del «made in Uk»

18 luglio 2011 
<p>Will e Kate, il Foreign Office li vuole come testimonial del
«made in Uk»</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Dopo il viaggio in Nord America non ci sono più dubbi: William e Kate sono una coppia di successo. Dovunque vanno, sono accolti da applausi e richieste di autografi, quasi fossero due star del cinema.

Il grande seguito dei duchi di Cambridge non è sfuggito al Foreign Office, il ministero responsabile della promozione all'estero del "made in Uk". Il ministero, infatti, ha proposto al principe William e a Kate Middleton un calendario di visite all'estero come ambasciatori del business britannico.

I duchi di Cambridge, secondo quanto riporta il Sunday Telegraph, starebbero esaminando la proposta del Foreign Office. «Non lo avevano mai fatto prima ma gli è piaciuto moltissimo rappresentare la Gran Bretagna all'estero e lo faranno certamente di nuovo», ha detto una fonte di Buckingham Palace al domenicale.

Probabilmente, continua il Sunday Telegraph, la coppia «comincerà a visitare i paesi di interesse strategico per il Regno Unito con lo scopo di venire incontro agli obiettivi commerciali del Foreign Office in linea con i loro interessi personali e le cause che stanno loro a cuore».

Qualche prima prova l'hanno già portata a termine con successo: durante la visita di tre giorni in California hanno partecipato a un evento organizzato da UK Trade and Investment (Uktia) in appoggio agli investimenti tecnologici britannici e per lo sviluppo di una Tech City a East London.

Il principe e la moglie sono poi intervenuti a una cena di gala del Bafta in cui William ha parlato del suo desiderio di promuovere il giovane cinema britannico a Hollywood.

 

>> WILL & KATE, RED CARPET HOLLYWOODIANO

>> WILL & KATE, VIAGGIO IN CANADA TRA LEZIONI DI CUCINA E RODEO

>> WILL & KATE, LEZIONE D'ARTE

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).