Amy Winehouse, l'addio del web (nel bene e nel male)

25 luglio 2011 
<p>Amy Winehouse, l'addio del web (nel bene e nel male)</p>

E' morta a 27 Amy Winehouse a causa, sembra, un cocktail di droghe e alcool ed è proprio la triste coincidenza che la lega ad altri artisti defunti ad andare per la maggiore in Rete.
Alla stessa età sono scomparsi, fra gli altri, Janis Joplin, Jim Morrison, Jimi Hendrix e l'attore Heath Ledger. Il web ricorda la maledizione del numero 27 ma, avendo come tutte le cose anche una faccia negativa della medaglia, ospita - purtroppo - anche  messaggi tanto inutili quanto di cattivo gusto ("Il problema è che Gigi D'Alessio li ha già superati da un pezzo!" o"E Bieber ne ha solo 17"). Ai bontemponi: potevano evitare.

I fan, il decesso è avvenuto sabato, sono ancora increduli e sulle bacheche dei social network il ricordo è affidato alla voce della cantante scomparsa e al video di Back To Black, che risulta il brano più pubblicato.

Numerose su Facebook le pagine intitolate RIP Amy Winehouse, la più popolata conta già 46 mila fan.
Su Twitter è accaduta una cosa strana: il trend topic, l'argomento più gettonato, è scritto sbagliato, Whineouse invece di Winehouse.

Colpite dall'accaduto le star di casa nostra: "Why Amy?", si chiede Laura Pausini su Twitter. "Morta Amy Winehouse. E' la prima volta che risulta prevedibile", scrive Frankie Hi Energy. Alessia Marcuzzi ha pubblicato su Facebook il video di Back To Black e il suo fidanzato Francesco Facchinetti ha scritto "Amy risposa in pace e continua a cantare ovunque tu sia".
Oltreoceano hanno reso omaggio alla star con un 'cinguettio' anche Katy Perry, RIP Amy Winehouse. May she finally find peace, e Lady Gaga, che si è lasciata andare a un intenso commento. "Amy changed pop music forever, I rememeber knowing there was hope, and feeling not alone because of her. She lived jazz, she lived the blues", scrive la regina delle classifiche discografiche, tributando alla collega scomparsa il cambiamento del pop.
>> IL DOLORE E LA RABBIA DEGLI AMICI

La nota amara: mentre la fan page della cantante acquista nuovi like e pullula di messaggi, gli account Twitter e il sito ufficiale della cantante sono muti. Il secondo, in particolare, è stato 'smontato'. Nessun link è più attivo, di blog, news, bio, etc. è rimasta solo una foto, quella di Back to black, su sfondo nero. Funerea.

>> AMY WINEHOUSE: LUCI E OMBRE
>> AMY WINEHOUSE: TRIBUTO PER IMMAGINI

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
monica 65 mesi fa

ognuno di noi ha un vuoto dentro di sè incolmabile..chi cerca di riempirlo con lo stordimento per non pensare, chi con la moda, chi con il sesso, i soldi ecc. ecc. potremmo continuare all'infinito..nessuno si scandalizzi se era una drogata..era solo infelice.chiedetevi come lo riempite voi e non condannate. l'unico che riempie tutto è cristo gesù. informatevi..la bibbia parla chiaro.

MayaMorrison 65 mesi fa

anche la depressione non la si và a cercare ed è come un cancro che ti divora dentro....se non la si conosce (la depressione) non si può neanche dire come fa tanta gente: "te la sei cercata" quando hai la depressione NON VIVI

mariangela 65 mesi fa

Cara Amy, e' molto doloroso quando muore una persona giovane ma....cercarla e volerla come hai fatto tu Amy è incomprensibile e per certi versi intollerabile............... Ti saresti dovuta fermare a pensare a tutti quei giovani che muoiono per malattie inguaribili e che lottano per vivere con grandi sofferenze. Riposa in pace

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).