Applausi e glamour aprono Venezia

31 agosto 2011 
di M.M.
<p style="margin-bottom: 0cm;">Applausi e glamour aprono
Venezia</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Un responsabile comunicazione fascinoso e idealista (Gosling), un direttore di campagna elettorale rude ma leale (Seymour Hoffman), una stagista ingenua e appassionata (Wood), un avversario aggressivo (Paul Giamatti) e una giornalista politica d'assalto (Tomei): sono questi i protagonisti della corsa verso le presidenziali Usa di Mike Morris (Clooney), un politico democratico candidato alle primarie. Mike è il classico politico "nuovo", capace di scatenare entusiasmi, cambiare le cose, fare la differenza. Yes, he can! Forse. Perché lo scandalo sessuale è in agguato, la posta in gioco troppo alta, il compromesso indispensabile. E l'idealismo lascia il posto al disincanto. E' la politica, bellezza!

George Clooney per la seconda volta in concorso a Venezia nella doppia veste di regista e attore (la prima fu con Good Night and Good Luck), porta a Venezia Le Idi di Marzo un film solido e graffiante, tratto dalla pièce teatrale Farraguth North di Beau Willimon, con un grande cast capitananto dal neodivo Ryan Gosling (purtroppo assente al Lido) e una sceneggiatura scritta a 6 mani dallo stesso George con il fido Grant Heslov e Beau Willimon.

A chi gli chiede se non sia mai sceso a compromessi nel suo, di lavoro, Clooney risponde: "Certo. Ma la differenza fra Washington e Hollywood è che quello che faccio io non incide profondamente sulla vita della gente come ciò che fa un politico".

Anche la giovane ed eterea Evan Rachel Wood e l'italo americana Marisa Tomei tornano in concorso a Venezia dopo che The Wrestler, di cui furono co-protagoniste nel 2008, vinse il Festival. Il regista del film era quel Darren Aronovsky che oggi è presidente della giuria: "Sono entusiasta di questa coincidenza - racconta la Wood - In realtà ho già cercato di corrompere Darren... Scherzi a parte, adoro quell'uomo. Non ho ancora avuto modo di vederlo qui, ma abbiamo vissuto dei momenti bellissimi insieme. Venezia è il mio festival preferito e starò in attesa di sapere cosa succede".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).