Steve McQueen a Venezia con Shame (vergogna)

05 settembre 2011 
di M.M.
<p>Steve McQueen a Venezia con <em>Shame</em> (vergogna)</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Per la seconda volta insieme dopo l'acclamato Hunger (premiato a Cannes 2008 ma mai distribuito in Italia), Steve McQueen e Fassbender tornano a lavorare insieme in Shame, in concorso a Venezia 68. "Il mio per Michael è un vero e proprio innamoramento", scherza il regista.

Il personaggio di Brandon - il protagonista - è piuttosto sgradevole: un erotomane sempre pronto a soddisfarsi con qualsiasi mezzo a disposizione: sesso occasionale, prostitute, masturbazione, pornografia, Internet. chi o che cosa glie l'ha ispirato?
"Le compulsioni sono intorno a noi. E ce lo hanno confermato molte persone con esperienze simili a quella di Brandon che abbiamo incontrato facendo ricerche per il film. Ma non c'è nessun riferimento a qualcuno in particolare".
"A me comunque Brandon piace - prosegue il regista - è asciutto, difficile, ma non è cattivo o repellente e non è poi così distante da molti di noi. E' un uomo danneggiato".

Oltre a Fassbender e Carey Mulligan, il terzo grande protagonista del film è sicuramente New York: "E' una città meravigliosa e affascinante ma dove si può sentire un senso di isolamento. Perfetta per questa storia".

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).