Maggie e Keira tra eros e psiche da Venezia a Toronto

18 settembre 2011 
<p style="margin-bottom: 0cm;">Maggie e Keira tra eros e psiche da
Venezia a Toronto</p>

Psicoanalisi e sesso, coniugati al femminile: questi gli ingredienti che legano a doppio filo due dei festival cinematografici più prestigiosi, ovvero la Mostra del Cinema di Venezia e il Toronto Film Festival.

La 68° edizione della Mostra del Cinema di Venezia ha voluto in concorso A Dangerous Method di David Cronenberg, che fa un tuffo nel passato fino ai tempi di Freud e Jung per mettere in luce quanto studi e teorie, poi diventate 'classiche', fossero intrisecamente legate a fragilità, fobie e anche perversioni dei diretti interessati.
A questo proposito come dimenticare le scene ad alto tasso erotico che vedeva protagonista Keira Knightley, alias Sabina Spielrein, legata e sculacciata pesantemente dal suo maestro nonché amante Carl Jung (interpretato da Michael Fassbender).
Scene non certo facili da interpretare, ma pare che l'attrice avesse un piccolo segreto vincente: al 36° Festival di Toronto, che si sta tenendo in questi giorni, ha infatti dichiarato di avere bevuto un goccetto di vodka prima del ciak.

Sempre a Toronto è stato presentato Hysteria, commedia di Tanya Wexler ambientata in epoca vittoriana, che racconta l'invenzione, a scopi terapeutici, di un oggetto che racchiude al tempo stesso una tentazione e un tabù: il vibratore.
Dove sono gli scopi terapeutici? Dovete sapere che in quell'epoca, fortemente misogina, si pensava che potesse aiutare a curare la presunta isteria femminile.

Nel cast Hugh Dancy, Rupert Everett, Jonathan Pryce, Gemma Jones e Maggie Gyllenhaal, che nel corso della conferenza stampa festivaliera ha detto la sua in proposito: «Si tratta di vibratori nonché di orgasmi delle donne, non credo che la gente realmente ne parli molto. Sono dell'idea che ancora oggi siano argomenti scomodi». Avrà ragione?

> OGGI IN PEOPLE
> ALTRE NEWS

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).