Stefania Bivone è Miss Italia 2011, le pagelle

20 settembre 2011 
<p>Stefania Bivone è Miss Italia 2011, le pagelle</p>

Con il 75% delle preferenze, un plebiscito praticamente, la 18enne Stefania Bivone è stata eletta Miss Italia 2011. Capelli e occhi castani, la Bivone è arrivata a Montecatini Terme con la fascia di Miss Calabria e ieri sera ha conquistato anche il titolo di Miss Vella Professional. Sul secondo e terzo gradino del podio si sono accomodate, rispettivamente, Mayra Pietrocola e Sarah Baderna. La nuova Miss Italia, che ha ereditato la corona dalla tatuata Francesca Testasecca, sogna un futuro da avvocato, nel mondo dello spettacolo vorrebbe affermarsi come cantante o modella e dedica la vittoria ai suoi genitori. Insomma, tutto è bene quello che finisce (a mezzanotte e mezza) bene. Anche se…

Una sfera di cristallo a Gabriele Paolini: che concorso nazionalpopolare sarebbe senza le tradizionali polemiche su voti pilotati e copioni già scritti? L'incubo dei tiggì ha depositato ieri mattina una querela contro i vertici Rai che recitava, testualmente, "la vincitrice dell'edizione 2011 è la Signorina Stefania Bivone Miss Calabria". Tutti i torti non li ha avuti. Fine conoscitore della bellezza femminile, fortunato scommettitore o fastidioso rivelatore?

Una pacca sulla spalla a Fabrizio Frizzi: ne avevamo già parlato dopo la serata di domenica, il buon Fabrizio fa il suo, niente da dire. Il problema risiede nella formula, che poco spazio lascia a momenti di intrattenimento e a cambi di ritmo. La messa cantata di nomi e numeri è davvero eccessiva: non si capisce per quale motivo le ragazze che passano il turno debbano essere ripresentate pochi minuti dopo per riaprire il televoto. Altrettanto opinabile la decisione di farle parlare solo a tarda sera e di proporle come belle statuine per gran parte della puntata. Insomma, il lato televisivo del concorso va ripensato. Pochi dubbi in merito.

Un applauso alla scenografia: luci e struttura hanno fatto la loro figura, incorniciando al meglio un quadro in alcuni casi non all'altezza del suo scintillante contenitore. Chi sta preparando Sanremo (si parla di un Gianni Morandi accompagnato da cinque donne) dia un'occhiata e scopiazzi lo scopiazzabile.

Un telecomando per Audrey Hepburn: possibilmente con digitale e satellite integrati, così da permetterle più di una valida alternativa al buffo omaggio (registrato) che le è stato dedicato ieri sera. Capelli umidi, ammiccamenti strani e l'indimenticabile acconciatura replicata su troppe teste fuori tempo. Perché?

Ovazione per la concorrente numero 13: a parte il viso particolare e interessante, la ragazza si è distinta nel momento dedicato alle domande. Mentre le colleghe descrivevano giornate divise fra dedizione per i genitori, il fidanzato e gli animali, Maria Ludovica Perissinotto ha ammesso di non fare niente dalla mattina alla sera, essendo in attesa dell'inizio delle lezioni universitarie. Niente a che vedere con la 46 che ha spiegato l'eternità dell'attimo immenso in cui scatti una foto, ma abbastanza simpatica da meritare una menzione.

Un curriculum per Inés Sastre: alzi la mano chi ha dovuto fare mente locale per ricordare i suoi lavori recenti. E alzi la mano chi è riuscito nell'intento. Lei ha genericamente raccontato di aver girato e viaggiato. L'anno scorso la presidentessa di giuria era Sophia Loren, tre anni fa Giancarlo Giannini e Andy Garcia. Nel 2006 Sylverster Stallone e nel 2005 Bruce Willis. Dobbiamo continuare?

> OGGI IN PEOPLE
> ALTRE NEWS

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
august91 64 mesi fa

ma la perissinotto ha una bocca cadente....bocca bruttissima.....doveva uscire subito altrochè

andremar11 64 mesi fa

Come bellezza la Bivone è senza dubbio tra le più meritevoli, però secondo me la Perissinotto ha il classico viso che spacca lo schermo, molto ma molto interessante.Meditate sponsor, registi, ecc. ecc.meditate.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).