Le reazioni della Rete all'addio dei Rem

22 settembre 2011 
<p>Le reazioni della Rete all'addio dei Rem</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

"Tutto ha una fine", con queste (e altre) parole i Rem hanno annunciato ieri sera il loro addio al mondo della musica. Una fine che sui social network ha quasi il sapore di un nuovo inizio. Da quando la notizia è stata diffusa, partendo proprio da Internet fra l'altro, su Twitter e Facebook va in scena una garbata sfilata di commenti di gratitudine e di video delle esibizioni della band statunitense. Everybody Hurts e Losing my religion i brani che vanno per la maggiore. Grazie e adolescenza, che per una generazione intera è stata scandita dai brani di Stipe e colleghi, i termini più digitati.

Su Twitter, dove l'hastag #REM è fra i più attivi della giornata, hanno salutato gli ormai ex colleghi The Strokers, citando il brano It's the End of the World as We Know It (And I Feel Fine), e The Futurheads, "Rip. Non ci saranno mai album più belli di Pageant, Reckonin, Murmur e Green". Il blogger Perez Hilton non si è lasciato andare a sentimentalismi e ha pubblicato i fotogrammi senza veli che Michael Stipe stesso ha condiviso su Tumblr poche ore prima dell'annuncio.
Lorenzo Jovanotti
ha dedicato alla notizia diversi tweets compilando la sua personale playlist delle loro migliori canzoni (l'ha aperta con la frase: Si sciolgono i REM. Non scherziamo: chi ha fatto un pezzo così resta per sempre)

Sulla pagina ufficiale di Facebook della band, intanto, sono più di settemila i commenti allo status relativo allo scioglimento. La malinconia dei fan, mentre i buontemponi si chiedono quando sarà il turno dei Pooh, sarà in parte placata il 15 novembre data d'uscita di un doppio con i successi del gruppo. Tutto ha una fine, non sul Web.

> OGGI IN PEOPLE
> ALTRE NEWS

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).