Star Academy, le pagelle della prima puntata

30 settembre 2011 
<p>Star Academy, le pagelle della prima puntata</p>

Ci voleva tanto a mettere in piedi un talent basato sulle esibizioni (d'impatto) piuttosto che sui battibecchi tra concorrenti e giudici/professori? Evidentemente sì, ma con Star Academy forse ci siamo. La trasmissione ha aperto ieri i battenti su Rai 2 e Style.it era in studio per sbirciarne i primi passi. Il compito, andando in onda al posto dell'acchiappa ascolti Annozero, non è di quelli facili e lo scarso successo generalista di X Factor, stesso studio e stesso conduttore, pesa come un macigno. Per sopravvivere nella giungla dei talent, l'accademia delle stelle - altrimenti detta Operazione Trionfo - punta su un nutrito squadrone di personaggi noti (Ornella Vanoni, Roy Paci, Nicola Savino e Lorella Cuccarini in giuria. Mietta, Syria, Gianluca Grigniani e Ron mentori. Biagio Antonacci, Marco Mengoni e Max Pezzali ospiti) e sulle esecuzioni di gruppo dei sedici concorrenti, l'ultimo dei quali è stato selezionato ieri a fine serata (leggi: nottata). Il pubblico da casa è chiamato a indicare la sua preferenza che si va a sommare con il voto, da uno a venti, dato dai giudici. Gli ultimi tre classificati a fine puntata (leggi: nottata) rischiano l'eliminazione la puntata successiva (leggi: sono in nomination). Ieri ad avere la peggio sono stati Mattia, Francesca Romana e Alessandra. E noi oggi ripercorriamo la serata a suon, è proprio il caso di dirlo, di pagelle. Più tardi aggiorneremo il post con la sentenza dell'auditel.

Un'ovazione per lo studio: bello, grande, luminoso. Di quelli che quando entri pensi "sta sera ci si diverte". Contesto ideale se il tentativo era quello di svecchiare un format impolverato - ma non polveroso -, Operazione Trionfo è andato in onda su Italia 1 nel 2002, e far dimenticare - o meglio far pensare il meno possibile - all'X Factor che fu. Ottimo investimento.

Un Roy Paci in giuria: non pervenuto. Schiacciato dalla perle della Vanoni e dalla loquacità di Lorella Cuccarini. Dovrebbe, visto il suo curriculum, dare indicazioni tecniche e ha invece optato per la via del silenzio. Emozione del debutto? Probabile, giudizio sospeso.

Un microfono sempre aperto per Ornella Vanoni: lei in silenzio ci sta solo se costretta e ieri sera ha dato non pochi grattacapi al Facchinetti con le sue uscite. Dal calo glicemico annunciato solennemente, ai continui tentativi di attirare l'attenzione del presentare e all'insistente "Viviana, Viviana, Viviana, Viviana" che a fine puntata ha mandato in confusione la concorrente. E che dire del continuo "mi scappa la pipì"? Fuori come un balcone, mai più senza.

Un calendario per Syria: bella è bella, brava è brava, ma quando ha fatto il suo ingresso in studio la sensazione di trovarsi davanti a un albero di Natale fuori stagione è stata troppo forte per perdonarle la mise. Ritenta e sarai più fortunata. Evitare, settimana prossima, richiami alla Pasqua.

Un dvd Disney a Nicola Savino: qualcuno può spiegare a Savino che Anastasia è la sorella cattiva di Cenerentola e Anastascia è la cantante alla quale probabilmente voleva fare riferimento? E che, fra l'altro, c'entra poco e niente con Martina, concorrente alla quale l'ha accostata. Grazie.

Un duetto con Ivana Spagna per Sciascia: il ragazzo ha avuto la peggio nella volata finale contro Viviana. Se durante la sua esibizione avete chiuso gli occhi, ed è probabile che sia andata così visto che era mezzanotte passata, non potete non aver pensato all'interprete di Lupi Solitari. Separati alla nascita, quasi dispiace che sia uscito.

Un orologio a regia, produzione e conduttore: perché che sia X Factor, Star Academy o Amici dobbiamo sempre fare le ore piccole? Per quale strano motivo la buona riuscita di un talent è affidata (anche) alla durata. Ah già, lo share. Si perde però così una buona occasione per dare un ritmo ancor più incalzante. Pensiamoci, pensateci.

Un applauso alla scelta delle canzoni: vi piace vincere facile? Finalmente sì! Rhianna, i Queen, Ligabue, Vasco Rossi, Katy Perry. Ci voleva tanto a capire che per far battere le mani al pubblico in studio e a casa conviene puntare su hit presenti e passate? Evidentemente sì!

Una tirata d'orecchie ai fonici: il tallone d'Achille della serata sono stati loro. Molti problemi di audio per chi guardava da casa, cosa che chi scrive apprende dai commenti sull'attivissimo hastag Twitter #staracademy. In studio teneva abbastanza, a parte qualche momento di blackout. #fail.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
dali 62 mesi fa

brava martina .............. anastacia canta in un modo martina in un altro ............................

maria 62 mesi fa

Lo trovato noioso, e i cantanti non proprio a loro agio e molto emozionati (se non sbaglio ho sentito anche delle stonature), purtroppo devo dire che continuo a preferire Xfactor, programma molto ben strutturato, continuo a preferire l'originalità di Marco Mengoni e le Yavanna; scusate speriamo che la prossima puntata vada meglio.

sandra 63 mesi fa

Mi è piaciuto.

Non tanto tempo addietro, avevo preannunciato telefonicamente alla sede romana dell'Endemol il flop di Star Academy. Questo perché le scelte fatte sono dei soliti raccomandati ed artisti banali e la conduzione è mediocre. La trasmissione non cerca Star ma "personaggi" di cui fare la mattanza mediatica. La conduzione è mediocre, perché Francesco Facchinetti è artisticamente un mediocre. La RAI continua a buttare i soldi dalla finestra, tanto non sono Suoi ma sono quelli del mio abbonamento e di quello degli italiani. Le partecipazioni sono spartite nel giurassico mondo della musica leggera italiana che non lascia spazio a nessuno. VERGOGNA.

cristina 63 mesi fa

preferivo Annozero

ila 63 mesi fa

programmino scialbo, e in gara non ho visto veri talenti, di quelli che ti mozzano il fiato fin dalla loro prima esibizione. per non parlare della pessima scelta dei brani: saranno pure hit, ma che banalità! spero si evolvano anche i giudici in quanto alla scelta dei pezzi, altrimenti sarà impossibile non rimpiangere le edizioni di X Factor in cui i concorrenti si cimentavano anche con David Bowie e i Depeche Mode. bocciato. poco male, guarderò X Factor su Sky.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).