Booklist: nella libreria di Jovanotti

31 gennaio 2011 
<p>Booklist: nella libreria di Jovanotti</p>

Lorenzo Jovanotti Cherubini (www.soleluna.com) ha appena pubblicato l'album Ora, che è in qualche modo raccontato nel libro Viva tutto!, la raccolta delle email che Jovanotti e il filosofo Franco Bolelli (GUARDA IL VIDEO) si sono scambiati nel periodo di scrittura e realizzazione del disco. Nove mesi in cui, in realtà, hanno parlato di tutto. Jovanotti ha un rapporto privilegiato con la scrittura, con gli scrittori e anche con la lettura, a cui si avvicina con curiosità e mente aperta. Le sue scelte, interessanti e diversissime fra loro, accontentano tutti i tipi di lettori. Anche i bambini, di cui, in quanto papà, sa qualcosa.

Qual è l'ultimo libro che hai letto?
Recentemente ho letto 2666, un fantastico libro dello scrittore cileno Roberto Bolaño, a mio parere uno dei più potenti scrittori apparsi in tempi recenti. Mi sono piaciute anche la biografia di Dean Martin, Dino, e una raccolta di interviste di Orson Welles.

Gli ultimi libri italiani sul tuo comodino quali sono stati?
Ho apprezzato molto La vita oscena, l'ultimo libro di Aldo Nove. Mi piacciono anche le cose "pop": del mio amico Fabio Volo ho letto con gusto Il tempo che vorrei.

Quale sarà il prossimo libro che leggerai?
La biografia di Keith Richards.

Qual è il tuo scrittore preferito?
Difficile rispondere, sono tanti. Se dovessi proprio scegliere sarebbe Joseph Conrad. Penso che La linea d'ombra, Lord Jim e Cuore di tenebra siano paragonabili a dei film, mi vedo davanti le scene descritte in questi romanzi. Conrad è davvero pazzesco. Pensare che era giudicato un autore per ragazzi.

Qual è il tuo dream team della letteratura?
I nomi sarebbero un bel po', ma per farne qualcuno dico Gabriel García Márquez, Lev Tolstoj, Ariosto, Shakespeare e Omero.

Che tipo di lettore sei?
Spazio molto e leggo di tutto. Prendo un libro, magari non lo finisco, ne prendo un altro e lascio la pagina a metà: sono disordinato.

Letture fatte da bambino e riprese da adulto?
Mia mamma mi raccontava la storia di Giovannin senza paura che poi ho letto nella versione trascritta da Italo Calvino. Mi piace la letteratura per bambini. Se leggi il primo libro di Harry Potter non lo abbandoni fino all'ultimo, e anche il primo romanzo della saga di Twilight è avvincente, scritto bene e secondo me anche ben inserito nel nostro tempo.

Cosa leggevi a tua figlia Teresa?
Di tutto; non mancavano i classici come Il piccolo principe e Pinocchio, che per me è una seconda bibbia e a lei non è mai piaciuto.

Letture che ti sono rimaste dentro dai tempi della scuola?
Al liceo avevo un'ottima professoressa di italiano, certe sue lezioni sulla poesia o sulla Divina Commedia le ricordo ancora, così come quelle su Manzoni. Manzoni era bravissimo, però a scuola fai fatica a entrare dentro agli autori che devi leggere. Ti accorgi di quello che hanno scritto quando li riprendi successivamente.

Libri comprati durante i viaggi?
No, perché a volte vado in paesi di cui non conosco la lingua. Però ho portato dei libri con me in viaggio, anche se tendenzialmente mi muovo con un bagaglio leggero. Problema oggi risolto con l'iPad.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Emanuela 70 mesi fa

Tanto saluti da Emanuela di Pesaro auguri x il tuo nuovo libro

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).