Pierfrancesco Favino: «Se fossimo leoni avremmo già scalzato il vecchio capo-branco»

30 ottobre 2011 
<p>Pierfrancesco Favino: «Se fossimo leoni avremmo già scalzato il
vecchio capo-branco»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Il 6° Roma Film Fest ha presentato fuori concorso L'Industriale di Giuliano Montaldo, un film che racconta l'attuale crisi economica dal punto di vista di un piccolo imprenditore, deciso a combattere fino all'ultimo per salvare l'azienda creata dal padre e non tradire la fiducia dei suoi operai.
Protagonista è un Pierfrancesco Favino in versione 'pasionaria', che parlando con i giornalisti ha voluto prendere una posizione ben precisa. «Quello del lavoro è un tema a me molto caro, lo sento molto come persona e mi piace lavorare. Sui giornali troviamo dichiarazioni di personaggi che parlano continuamente di numeri, ma che a differenza di tanta altra gente non hanno problemi a comprarsi il pane e il latte. Si parla troppo di soldi e poco di vita vera. Mi spaventano quei sedicenni che nel loro futuro non vedono l'università ma solo il modo più facile per fare soldi». E tende a precisare: «Lo dico da consumista, non sono Che Guevara! Ma devo sono stanco di vedere tutte queste guerre per ampliare i mercati. Non esistono più i valori umani e i sentimenti».
Poi lancia un messaggio ai suoi coetanei: «I 40 anni sono un'età vigorosa e bisogna essere attivi. Negli altri paesi del mondo i quarantenni diventano primi ministri, mentre qui sei sempre un giovane». E arriva anche la provocazione: «Se fossimo leoni, avremmo già scalzato il vecchio capo-branco».
Ogni riferimento è puramente casuale?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 63 mesi fa

Che faccia il suo mestiere che è meglio.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).