Addio a Bigazzi, firma della musica italiana da Montagne Verdi ad Arrapaho

di staff Style.it 

Si è spento a 71 anni Giancarlo Bigazzi, una lunga carriera come compositore e paroliere nella nostra tradizione musicale


Giancarlo Bigazzi accanto a Fabrizio Moro a Sanremo 2007 con il
premio della critica, foto LaPresse

Giancarlo Bigazzi accanto a Fabrizio Moro a Sanremo 2007 con il premio della critica, foto LaPresse

E' scomparso a Viareggio uno di quei grandi nomi della musica che tutti conoscono per le sue 'opere' ma pochi hanno presente di viso o per nome e cognome.
Giancarlo Bigazzi, 71 anni, fiorentino, è stato compositore e paroliere e ha commosso pubblici tra loro anche lontanissimi con canzoni che hanno riempito ogni anno e tipo di classifica. Da Rose Rosse a Si può dare di più, da Montagne verdi a Cyrano, e poi i grandi successi cantati da Umberto Tozzi e Raf (Gloria, Ti amo, Self control, Gente di mare).
Al suo arco ballate, tormentoni e anche una grande stagione all'insegna della goliardia accanto ad amici nel gruppo degli Squallor (storico l'album con annesso film Arraphao).
Infine il cinema, dove ritroviamo il suo nome accanto alle colonne sonore di cult come Mery per sempre o Mediterraneo.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it