J-Ax accusa Berlusconi per plagio

di Linda Milesi 

Secondo il cantante degli Artcolo 31 il testo del nuovo inno del Pdl presenterebbe alcune somiglianze con la sua canzone pubblicata nel 2002. Vantini, il mio inno 'Meno male che Silvio c'è' ora va in pensione.

Linda Milesi

Linda Milesi

Leggi tutti


foto SGP

foto SGP

«Siamo la gente che spera». Sarebbero queste le parole che avrebbero fatto infuriare J-Ax, il cantante degli Articolo 31, che, la scorsa notte ha minacciato su twitter di voler denunciare per plagio l'ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Queste parole, infatti, comparirebbero nel nuovo inno del Pdl, che, a parere del cantante presenterebbe somiglianze con il testo della sua canzone 'Gente che spera' uscita nel 2002.

Non si tratterebbe di plagio, invece, per la deputata Pdl Daniela Santanché, che, dopo avere ascoltato in esclusiva il nuovo inno del Pdl ha dichiarato a Radio2: «Non c'entra niente con quello di J-Ax, anzi come direbbe Di Pietro, non c'azzecca proprio». Secondo la deputata ci sarebbero solo quattro parole uguali in tutto il testo, ma ha aggiunto: «Capisco che ora questo signore è balzato alle cronache grazie a queste vicende..e visto che c'è di mezzo Berlusconi finiremo tutti in tribunale» ha poi ironizzato.

Se un nuovo inno nasce, ce n'è un altro che va in pensione. Stiamo parlando di quello che fino a poco tempo fa ha fatto anche da colonna sonora durante la campagna elettorale per le politiche del 2008. 'Meno male che Silvio c'è', questo il titolo, fu scritto da Andrea Vantini nel 2002 in onore dell'allora Presidente Berlusconi. Visto e considerato che Silvio non è più il candidato premier, ma al suo posto c'è Alfano - ha fatto sapere Vantini - l'inno non ha più senso di esistere. Ed è così che l'ex premier ha infatti annunciato la nuova colonna sonora del partito.

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it