Sugarkane, la creatività non conosce dogmi

di Valentina Caiani 

Leandro Manuel Emede e Nicolò Cerioni formano un duo creativo giovane e quanto mai di tendenza. Con un imperativo: stupire, spiazzare... in altre parole stimolare. Alla ricerca di nuove visioni e nuovi mood. In collaborazione con il fashion system e lo show business più curioso in un viaggio infinito attraverso generi e media

Valentina Caiani

Valentina Caiani

EditorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Leandro Manuel Emede e Nicolò Cerioni formano un duo creativo giovane e quanto mai di tendenza. Con un background video e styling, e una spinta immaginativa che non vuole conoscere limiti, hanno messo la loro firma su molte iniziative che coinvolgono in forma di video e di posati da importanti case di moda a molte delle nostre pop star. Due nomi su tutti, Jovanotti (per cui hanno girato La notte dei desideri e Il più grande spettacolo dopo il weekend - ora contenuti nel megabox Backup 1987-2012 - ma anche il DVD ORA live) e Laura Pausini (con cui hanno collaborato per il video Troppo tempo e il DVD Inedito World Tour).

Come nasce il duo Sugarkane?
Ci siamo incontrati 5 anni fa. Facevamo due cose molto diverse, uno lo stylist e l'altro il regista, e abbiamo deciso di fondere la nostra visione in una cosa sola.
Sugarkane è il nome di Marilyn in A qualcuno piace caldo, un film che finisce con la frase "nessuno è perfetto". Ci sembra perfetto per la nostra visione.

Oggi lavorate sempre e solo assieme o seguite anche progetti separati?
Lavoriamo sempre insieme, il nostro è un duo che si bilancia molto.
Poi, certo, capita che ci chiedano anche delle consulenze separate, ma sono sempre finalizzate a far diventare il lavoro in questione un progetto completamente Sugarkane.

Qual è la vostra definizione di creatività?
Non avere dogmi, non avere regole mentali da rispettare e non aver mai paura di sbagliare o di dire una castroneria.

Quando questa creatività trova dei limiti e che cosa invece la stimola, la aiuta?
Il limite è nel pudore di fare un passo falso.
Divorare decine di film, mostre, libri, cartoni animati e cultura pop in generale senza dubbio la stimola.

Con quali parole vi piace definire o presentare lo stile dello Studio Sugarkane?
Ci piace pensare di essere quelli "diversi". Ci siamo sempre sentiti dire che eravamo troppo o troppo poco, e abbiamo fatto di questo un punto di forza. Raramente produciamo cose che sembrano qualcos'altro. Ci piace stupire, spiazzare, creare contrasti. Ovviamente questo porta molti a guardarci con diffidenza, i discografici sono sempre titubanti nel chiederci di realizzare un video. Ma va bene così: non vogliamo lavorare perchè siamo rassicuranti, ma perchè nel bene o nel male provochiamo un brivido lungo la schiena.

Che cosa potremmo trovare sul vostro moodboard oggi?
Ci sono sempre tante cose diverse, ma recentemente le nostre ossessioni sono Jean Paul Goude, un cartoon che si chiama Adventure Time, alcuni titoli topici del genere Nunxplotation come Suor Omicidi o Le monache di Sant'arcangelo, i romanzi-favole di Shane Jones e la serie tv MadMan.

Qual è il vostro approccio all'(arte del) videoclip musicale?
Noi siamo cresciuti negli Anni '80 e '90, per questo il videoclip per noi è stato il cardine della nostra cultura popolare. Ha aiutato l'industria discografica a diventare quello che è oggi, oltre ad aver influenzato molto il mondo del cinema. Il video per noi è una fonte inesauribile di ispirazione ed espressione.

Quali i criteri guida nella selezione e lavorazione di un DVD?
I DVD di concerti sono molto complessi da fare. Pensa che dello scorso tour di Lorenzo abbiamo girato più di 20 date e poi le abbiamo montate in una sola. Uno show dura una media di 2 ore e 30, facendo i conti avevamo quindi centinaia di ore di girato da "sbobinare" e montare. Un lavoro gigantesco.
Quello che vogliamo emerga dai nostri DVD è la maestosità dello spettacolo e cogliere l'essenza e il movimento inatteso del performer.

Quali sono i vostri riferimenti più importanti in ambito musicale, fashion e video?
Sono migliaia: sarebbe impossibile elencarli! Siamo entrambi fan di Madonna: pensando a quello che ha fatto con videoclip e show in generale si rimane basiti per livello qualitativo e l'innovazione.

Lo styling è un aspetto non marginale del vostro lavoro… qualche maestro anche in questo senso?
Maestri ce ne sono diversi: Patricia Field per aver rivoluzionato il modo in cui le donne si approcciano al vestirsi, Arianne Philips per l'equilibrio perfetto dei suoi lavori e Diana Vreeland vero nostro guru.

Gli incontri tra artisti si trasformano sempre in scambio di energie: che cosa vi trasmettono/hanno trasmesso Jovanotti e Laura Pausini?
Su quello che ci hanno dato Lorenzo e Laura ci potremmo scrivere un romanzo!
Lorenzo ci ha dato fiducia in una maniera assolutamente inaspettata e ha spinto la nostra creatività in direzioni che non immaginavamo essere possibili. E' un piacere lavorare con lui.
Laura invece ci ha insegnato l'estrema professionalità e la capacità di focalizzare al meglio i propri obiettivi. Girare con lei è un esperienza quasi mistica: quando è di fronte alla macchina di presa non c'è nient'altro. Ha un magnetisimo incredibile.

Li ascoltavate già? Su quali elementi di novità avete voluto lavorare assieme?
Siamo sempre stati grandi ammiratori di Laura e Lorenzo ed è stato bellissimo lavorare insieme. Con entrambi abbiamo cercato di fare cose diverse, che non avessero già fatto prima. I video di La notte dei desideri e Troppo Tempo sono diventati il nostro manifesto visivo.

Mai pensato a un lungometraggio firmato Sugarkane (ad esempio a un rockumentary)?
Si certo! E in realtà abbiamo già preparato proprio un rockumentary: si chiama La Quarta Dimensione ed è acquistabile nella versione deluxe dell'ORA tour di Lorenzo. Racconta la costruzione dello spettacolo e l'esperienza umana non solo dell'artista ma anche del suo pubblico. Abbiamo girato 321 interviste durante i concerti (visibili su www.orabox.com) e le abbiamo usate come un fil rouge emotivo che ci accompagna durante questo viaggio.

Qual è la prossima sfida che vi piacerebbe affrontare?
Girare un musical. Sognante, romantico, violento e positivo.

>> JOVANOTTI, UN PHOTO SHOOT DAVVERO PERTICOLARE DIETRO LE QUINTE DI TENSIONE EVOLUTIVA

> PIU' MUSICA
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime