Sanremo Giovani. Vince Antonio Maggio. Premi anche a Renzo Rubino e Il Cile (tra gli esclusi)

di V. C. 

L'ex Aram Quartet ed ex X Factor vince con il brano Mi servirebbe sapere. Un tormentone nato che anticipa l'estate e ha già fatto 'vittime' sui social. Sotto i riflettori anche Rubino e Il Cile, premio della Critica l'uno, premi Assomusica e Bardotti (per il miglior testo), l'altro

<<>0
1/

ANTONIO MAGGIO ALLA RISCOSSA
«Ringrazio tutte le persone che mi stanno seguendo, ormai da più di un anno, ma soprattutto ringrazio mio padre e mia madre» dice un commosso Antonio Maggio nel momento della sua consacrazione a nuovo talento di Sanremo.
Nonostante conosca bene i meccanismi della tv (è un ex prodigio di X factor, talent che vinse come membro degli Aram Quartet), il ventisettenne si commuove. Tanto. Mostrando ancora una volta come pochi palchi sappiano emozionare chi li calca quanto quello dell'Ariston.
Sempre attivo ma finito un po' nel dimenticatoio dopo l'esperienza di X Factor, ora Maggio sa che in tanti aspettavano il suo ritorno (sui social soprattutto), ha capito dai rumors che per molti (dei giornalisti, in primis) meritava di stare tra i Big più che tra i Giovani, guarda al futuro, con un album di fresca uscita (Nonostante tutto, nei negozi dal 12 febbraio).
«Spero sia per me un inizio di tante belle cose e di progetti futuri. Uno ha visto la luce martedì: il mio primo disco, che segna il mio esordio da solista. Spero possano piacere anche le altre nove tracce tanto quanto il brano che ha gareggiato a Sanremo».
In attesa di vedere come andranno le vendite e i download, Antonio festeggia due volte. Non solo con il premio Sanremo Giovani ma anche con quello, non meno ambito, della stampa radio-tv-web intitolato a Lucio Dalla.

A RENZO RUBINO IL PREMIO MIA MARTINI
Sul podio dei giovani anche Renzo Rubino, poco più che ventenne e pugliese come Maggio. A lui e al suo racconto per note di un amore gay, Amami uomo (il postino), va il premio della critica dedicato all'autrice di una delle canzoni più emozionanti della quarta serata del festival (e della sua storia), Almeno tu nell'universo.

NE ESCE BENE ANCHE IL CILE
Come da tradizione Sanremo mostra anche come si possa vincere e collezionare soddisfazioni pur uscendo dalla gara principale. Accade per Il Cile, che già forte di successi come Cemento armato, Siamo morti a vent'anni ma anche Tutto quel che ho (una collaborazione con il club Dogo), con la canzone Le Parole Non Servono Più, non si qualifica nei semifinalisti ma vince ugualmente due premi. Quello Assomusica e il nuovo riconoscimento alla canzone con il testo più bello, intitolato a Sergio Bardotti.
(foto LaPresse)

>> SANREMO, LE PAGELLE DELLA QUARTA SERATA
>> SANREMO, LA SCALETTA DELLE 5 SERATE. TUTTA
>> FESTIVAL DI SANREMO 2013, GLI OSPITI
>> I PROFILI TWITTER DA SEGUIRE DURANTE IL FESTIVAL

> PIU' SANREMO
>
PIU' TV
> PIU' STAR


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it