Chi è Luke James, l'uomo che accompagna Beyoncé in tour

di Valentina Caiani 

E' bello ma, considerati gli standard qualitativi a cui Mrs Carter ci ha abituati, è soprattutto bravo. Canta ma fa anche l'attore. E sul palco mescola il falsetto alla Michael Jackson ai movimenti di bacino di un giovane Lenny Kravitz. Memorizzate il suo nome perchè Luke James sarà famoso

Valentina Caiani

Valentina Caiani

EditorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

"Luke James è un cantautore pieno di talento e quello che riesce a fare sul palco con il falsetto ha qualcosa di incredibile". Così Beyoncé ha introdotto la 'spalla', incaricata dell'opening act delle date europee del suo Mrs Carter Show Tour. "Sono eccitata all'idea che mi raggiunga in tournee e ancora di più a quella di avvicinare il Vecchio Continente a questo cantante soul: in lui scoprirà un'autentica star".
Chi l'ha visto a Milano, lo scorso maggio, non può che confermare.
Luke James, che condivide con Beyoncé il manager (che la segue come direttore artistico), ha uno stile tutto suo (molto galante e per niente rough, spesso incentrato sull'offerta al pubblico prettamente femminile di una rosa) in cui il fascino dell'acuto del compianto re del pop incontra le mosse funk rock di Lenny Kravitz nonché l'allure sexy di Marvin Gaye.
Il suo sogno era "fare il performer". Per questo, oltre a cantare, recita, in un musical hollywoodiano (Black nativity, in uscita il prossimo autunno) e la sua espressione preferita, quando NON scrive, è "wow", stupore.
Stupire gli piace tantissimo. Lo fa anche con il sorriso, quello furbo quanto disarmante di un ventottenne talentuoso che sa che è giunto il suo attimo.
Se la gode, sogna ma resta con i piedi per terra.
Non solo perché è questa la prima lezione che ha imparato da Beyoncé ma anche perchè appartiene alla categoria degli umili, per cui il successo, anche il più grande, è tanto frutto del talento quanto di una professionalità coltivata con sacrificio.
La sua mission, oltre a quella di riuscire a "far divertire gli altri, portandoli a ballare ma anche a commuoversi" (specalità, a suo dire, di Mrs Carter) è quella di amare. Di un amore che è un mix di chiaroscuri reso saldo e compatto dal culto per il valore dell'onestà, "la lezione più grande che ho imparato sull'argomento". Non per niente il suo album, di prossima uscita dopo l'EP Whispers in the dark, reca il titolo manifesto Made to love, ed è introddotto dai singoli complementari I want you e Make love to me.
Ed è certo. Sarà amato. Perché in tutto questo è anche bello!

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it