Sanremo style star. L'armadio di Dolcenera

di Francesca Binfarè 

In gara con Ci vediamo a casa, la cantante racconta in anteprima, per immagini, le sue scelte di stile e che cosa indosserà (anche fuori dal palco)

Francesca Binfarè

Francesca Binfarè

ContributorLeggi tutti

<<>0
1/

Dolcenera è in gara al Festival di Sanremo, canterà stasera il brano Ci vediamo a casa. L'uscita sul palco è l'ultimo atto di una lunga serie di scelte, prove, cuci-scuci, cambiamenti di idea ed evoluzioni. Certo, la musica conta, ma è divertente anche capire cosa si nasconde nell'armadio di un artista: tante scarpe, tanti vestiti, molti dei quali non verranno indossati sul palco e resteranno un'ipotesi. Ecco cosa ci racconta Dolcenera sulle sue scelte sanremesi e sul suo look...

Qual è la parola chiave del tuo look, sul palco e fuori?
«Cangiante, penso che sia la parola più giusta. Non saprei come definirmi, visto che mi piace cambiare e non fossilizzarmi. Passo dal nero ai colori, da linee maschili a quelle femminili. Altrimenti mi annoio (esplode in uno dei suoi sorrisi radiosi, nda)».

Quanto era importante il look ai tuoi esordi come cantante e quanto è importante ora?
«Non penso al look come una cosa a se stante: i vestiti, i capelli, il trucco, nascono come conseguenza delle canzoni, che a loro volta nascono dai sentimenti che provo: tutto si genera da lì».

A un genere musicale corrisponde ancora uno stile?
«Mah… sì. Un tempo era più definita la correlazione, penso alla banana per i rockabilly. Oggi è tutto più contaminato ma credo che uno stile si riconosca».

Come scegli i colori dei tuoi abiti? Negli anni sei passata dal nero al colore, poi ancora al nero…
« Il nero lo porto tantissimo, però ho anche la fissa per le paillettes dorate. Scelgo in base all'umore».

In scena che cosa ti piacerebbe osare?
«Ho osato nell'ultimo tour con un gioco tra le luci e le paillettes che indossavo. Sono idee che vengono in corso d'opera… ad esempio, qui ho portato scarpe con i tacchi, ma avrei voluto avere le palle di non metterli: una donna con i tacchi acquista un certo tono, con le scarpe base si toglie qualcosa».

La valigia del tour: mai senza…
«Tutto (ride, nda)! Ho la malattia di dover avere tutto con me. Ho un beuaty dorato, molto capiente. E' un regalo di Natale che mi ha fatto mia mamma: mi ha chiesto che dimensione andasse bene, le ho detto la più grande possibile! Ho dentro creme per il corpo, profumi, di tutto».

Con quali regole 'archivi' gli abiti negli armadi?
« By now è tutto nelle valigie! Ma non archivio: è tutto disordinato. Sono costretta, per i tour fai e rifai valigie ogni tre giorni. Ho una stanzina del casino dove butto dentro tutto: il problema è quando le borse le devo mettere anche in corridoio perché la stanzina è piena!».

Conservi o rinnovi? Che tipo di coportmaneti hai al cambio di stagione?
«Dico solo che ho cose che indossavo alle medie… Jeans, per esempio. Ne ho appena ritrovato un paio storico. Sul comprare, certo, compro, ma se una cosa costa troppo preferisco rinunciare per principio. Eppure in teoria io sarei una spendacciona».

In tanti anni non è mai uscito dal tuo armadio…
«Una giacca tre quarti maschile, nera, senza collo né bottoni. E un maglioncione di lana mohair, pesantissimo e caldissimo: mi ha scaldata nella notte che ho passato in auto, bloccata dalla neve in autostrada lo scorso anno».

A Sanremo, ma in generale, il passo falso è dietro l'angolo.... Secondo te, è una mancanza di stile quando…
«Si eccede e si diventa troppo carichi. Quando si usano linee senza personalità o con troppa personalità».

Invece, un segno di stile è…
«Quando si evita l'accumulo di troppe cose addosso».


> PIU' FESTIVAL DI SANREMO
> PIU' STAR STYLE
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • Bellezza

    Sanremo, tutti i beauty look

    Per la serata conclusiva le cantanti hanno dato il meglio, con look eleganti, sofisticati e sontuosi. Acconciature curatissime nello styling così come il make up, nulla è stato lasciato al caso. A cominciare da Emma, la vincitrice. Anche nel look? Noi mettiamo al primo posto Nina Zilli...


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it