X Factor 5, Davide esce e Morgan sbotta

di Martina Pennisi 

Costretto a scegliere fra due dei suoi ragazzi, il giudice ha perso le staffe.

Martina Pennisi

Martina Pennisi

ContributorLeggi tutti

<<>0
1/

Quando il gioco si fa duro, l'eliminazione si fa più sofferta. I concorrenti di X Factor 5 si stanno rivelando di puntata in puntata sempre più talentuosi e, ognuno a modo suo, abbastanza originali da poter dire la loro nel mercato discografico. Motivo per cui ieri sera la scelta dei giudici fra Davide e Valerio, ha avuto la peggio il primo, è stata particolarmente sofferta. E a questo proposito…
>>X FACTOR 5, LE PAGELLE DELLA SECONDA PUNTATA
>>X FACTOR 5, LE PAGELLE DELLA PRIMA PUNTATA

Una tirata d'orecchie a Morgan: dà, l'abbiamo già sottolineato, al programma quel qualcosa in più, ma troppo spesso si spinge oltre confini (televisivamente) poco gradevoli. Nello specifico, quando ha dovuto scegliere fra i suoi due allievi si è lanciato in un'invettiva contro la Rai e contro il sistema che poco c'entrava con il contesto e ha visibilmente messo in difficoltà i tre ragazzi sul palco, Davide, Valerio e Alessandro Cattelan. Anche no.

Una ola per Nicole: si era già distinta ampiamente con la sua voce, ma sulle note di Lady Gaga ha sfoggiato un inatteso talento nella danza. E' giovane e con una tale completezza può davvero andare lontano.

Un riavvolgimento di nastro per Francesca: indubbiamente fra i migliori, se non la migliore, sta lentamente perdendo colpi. C'è chi, Arisa, dà la colpa alla scelta dei brani. Quale che sia il problema va risolto. E in fretta. La ragazza merita di puntare alla vittoria.

Un applauso per Vincenzo: al contrario della giovane collega, il suo percorso è costellato di continue esibizioni azzeccate. Quella di ieri sera ha colpito nello specifico, essendosi finalmente cimentato in una canzone diversa dalle precedenti.

Un santino con la foto di Luca Tommassini: che è quello, nel caso non l'aveste capito, che fa le bellissime-complimenti-davvero-a-Tommassini coreografie. Ed è quello, altra cosa che sicuramente vi è sfuggita, che ha lavorato con Madonna. Anche basta.

Una pacca sulla spalla ad Alessandro Cattelan: per la scelta della camicia (sul vestito non ci pronunciamo), perfettamente in tinta con le azzurre luci del contesto e con il grigio tendente all'azzurro dei suoi occhi. Ok, chi scrive si si sta prendendo una bella cotta.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it