L'Isola dei famosi fuori controllo

di Martina Pennisi 

Rubicondi lascia, la Vento cede e Malgioglio sbotta.

Martina Pennisi

Martina Pennisi

ContributorLeggi tutti

<<>0
1/

Tutto nell'ultima mezz'ora. Ed è il bello dell'Isola dei famosi, e di qualsiasi reality show degno di questo nome: scalette e decisioni autorali nulla possono sotto il peso delle reazioni dei concorrenti. Con un Nicola Savino ancora intento a prendere le misure della situazione, la puntata ha fatto un po' fatica a carburare. Alla fine però, è successo di tutto. Rossano Rubicondi ha lasciato il programma, Flavia Vento ha minacciato di farlo e alla fine ha accettato di approdare sull'isola degli eletti, Arianna David ha perso la sfida al televoto con Checchi Paone e ha raggiunto la Vento e Cristiano Malgioglio ha costretto Savino a sforare - lo share ringrazia - chiedendo a gran voce di poter rientrare in Italia dopo essere stato insultato da Apicella. A questo proposito…

Uno schiaffo ad Apicella: non ci si aspettava di affezionarcisi come a un tenero orsacchiotto, ma sta superando ogni più rosea previsione. Con un'arroganza da manuale, ha affibbiato un deprecabile epiteto a Malgioglio, giocando sui suoi ovvi gusti sessuali, ed è andato a toccare il tallone d'Achille di Den Harrow, accusandolo di essersi fatto prestare la voce da altri nei suoi cd. Terribile.

Una tirata d'orecchie a Cristiano Malgioglio: lui, che un tenero orsacchiotto lo è davvero, è riuscito a passare dalla parte del torto con una lunga invettiva. La vera vittima della sua scenata è stato il povero Savino, accusato di non essere all'altezza dell'assente elefante nella stanza Capitan Ventura. Se si continua così, il conduttore non riuscirà mai a prendere possesso del contesto. Lasciatelo lavorare.

Un abbraccio al Mago Otelma: non si capisce se faccia o ci sia, in ogni caso resta il piccolo capolavoro di questa edizione dell'isola. Ieri sera si è lasciato contagiare da Apicella e ha dato alla Marini dell'astuto tricheco. Ma è così buffo che gliela perdoniamo.

Un applauso alla Marini: a proposito di Valeriona, si dà e si spende con simpatia e umiltà. Complimenti. Sua anche una delle uscite più divertenti della serata: «Sei una stalking», riferendosi a Flavia Vento, che ovviamente ignora il significato del termine, usato o meno nel modo corretto.

Un 'no comment' per Rossano Rubicondi: non classificato. Senza senso la sua presa di posizione, aveva chiaramente voglia di arrosto e patate di mammà.

Una ola per Luxuria: è sempre lucida e ironica. Con il suo «dimmelooo» ha già creato un tormentone e nei momenti di difficoltà è l'unica in grado di mettere a tacere i concorrenti e far sentire la sua voce. Un plauso va anche agli autori, perché probabilmente in studio non avrebbe reso allo stesso modo. Il suo posto è là.

Tre opinioniste nuove di zecca: chi scrive non ha voluto sparare sulla croce rossa, anzi sulle tre croci rosse, la scorsa settimana ma non si può evitare l'argomento all'infinito. Sono inutili e fanno da zavorra a una macchina che avrebbe bisogno di qualcuno che ogni tanto spinge sull'acceleratore con sagacia e finezza. Non ci siamo.

Auditel: la puntata è stata seguita da 3.242.000 telespettatori per il 12,67% di share. Ci si aspettava qualcosina in più, visto com'è andata, ma non era facile emergere fra l'epilogo di Che Dio ci aiuti (Rai 1), 7.848.000 (25,18%) e 7.449.000 (27,72%), e Le Iene (Italia 1), 3.358.000 telespettatori e 13,41%.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it