A Zelig tutto bene. A parte la satira e la mancanza di donne

di Francesco Menichella 

Serata sostanziosa l'ottava del comic show Mediaset ma con un bel difetto: siamo a cavallo dell'8 marzo, si apre con un omaggio alle donne, ma, di presenze femminili comiche se ne vedono poche. Non si poteva pensare a qualche ospite?

Francesco Menichella

Francesco Menichella

Scopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Claudio Bisio e Paola Cortellesi introducono l'ottava puntata di Zelig con un particolare saluto alle donne. La trasmissione è registrata prima dell'otto marzo e va in onda il nove. Ci si aspetta una serata speciale dedicata alla comicità al femminile ma accade l'opposto. A parte la conduttrice, non ci sono altre donne che si alternano sul palco. Unica eccezione, Maria Di Biase in duo con Corrado Nuzzo. Rappresentano lo stereotipo della coppia scoppiata: lui indifferente con la mamma che lo chiama cinquanta volte al giorno e lei sospesa tra rancore e desideri non ancora sopiti. "Pizzica le corde della mia passione e falle suonare," chiede Maria. "Ma non è meglio mettere un cd?" risponde Corrado.
La donna assente è rappresentata dal trio comico la Ricotta nelle sembianze delle tre vecchiette pettegole e beghine che prendono a sputi le loro rivali in chiesa. Per il resto è presente nei monologhi come severa guardiana e castigatrice degli sprovveduti uomini. Viene evocata da Antonio Ornano, nei panni dell'etologo, che ricorda come dopo il quindicesimo anno di matrimonio le femmine riducano all'abominio i loro esemplari maschi: "Non esiste nulla di più mortificante per un uomo di mettersi a pecora a piantare ombrelloni."
La donna è il bersaglio di Omen, la caricatura del macho interpretata da Raul Cremona, che si dice felicemente sposato: "Mia moglie è felice e io sono sposato." Giuseppe Giacobazzi cambia il tono e racconta l'ansia dell'uomo di fronte al sesso: "L'uomo in quei momenti non è lucido perché il suo cuore deve decidere se irrorare il cervello grosso o il piccolo. Per una legge fisica i liquidi vanno verso il basso. Perciò mentre fate sesso provate a chiedere al vostro compagno quanto fa 5 più 5. Risponderà con un grugnito. Non lo sa! L'uomo è un'entità semplice che va incentivata e se lo aiutate riuscirà a durare anche 7 secondi in più."
La regia dell'ottava puntata di Zelig va a scovare le donne tra il pubblico. Una signora che ammira l'entrata in scena di Diego Abatantuono a sostegno di Giovanni Vernia nei panni e pantaloni di mucca pezzata dello stralunato Jonny Groove, una ragazza che viene baciata intensamente sulla bocca da Claudio Bisio e un'altra colta da una crisi di risate di fronte all'esibizione del mimo Simone Barbato mentre imita una fotocopiatrice. Per fortuna le donne sembrano divertirsi di fronte alle trovate del Duo Idea che cantano le hit dei grandi cantanti quando erano bimbi, al sempre ingegnoso mimo musicale dei Senso Doppio, alla carica e all'energia comica di Mago Forest, al surreale e sempreverde duo Zuzzurro e Caspare, al giovane Fausto Polidoro e allo spassoso calembour del tg di Salvatore Marino: "Rispondono i taxisti e i farmacisti se tocchi la licenza sono taxi amari medicinale Giuliani resti al cesso fino a domani. Caro benzina: problema accise, tante accise, acci loro ci hanno acciso, ma per Passera passerà e alle pompe di benzina se son rose fioriranno se son pompe pomperanno."
Resta un piccolo spazio alla satira, altra minoranza insieme alle donne. Inizia Gianluca De Angelis con l'intercettazione telefonica tra Vladimir Putin e Silvio Berlusconi:
"Vladimir volevo farti i complimenti per la vittoria elettorale e pensavo a una squadra di guardie del corpo tutta al femminile che dal mio cognome potrei chiamare le Berlusconiane. Se ne avessi una anche tu come la chiameresti?" Anche Bertolino richiama le recenti elezioni in Russia vinte da Putin: "Sono state elezioni aperte e democratiche. Il primo che dice il contrario lo sbatto in Siberia. In Italia, nel nostro piccolo, le elezioni ci sono state a Palermo e il candidato interno del Pd non ha vinto, non è passato. Il Pd non riesce a vincere neanche quando gioca in casa. È una cosa imbarazzante, sembra l'Inter."
Poca cosa ma meglio di niente. Con Teresa Mannino, Geppi Cucciari, Lella Costa, Luciana Littizzetto, Rosalia Porcaro, Anna Marchesini, Marina Missironi, Anna Maria Barbera e la partecipazione straordinaria di Sabina Guzzanti, Angela Finocchiaro e Franca Rame sarebbe stata una serata perfetta.

DA STYLE.IT

  • Star

    Bruno Arena dimesso dal San Raffaele

    L'attore del celebre duo comico I fichi d'India è stato dimesso dall'ospedale San Raffaele dove è stato ricoverato in terapia intensiva per quasi un mese per essere trasferito in un centro di riabilitazione specializzato

  • Star

    Bruno Arena è stazionario. Max Cavallari:«Non posso pensare a un futuro senza di lui»

    A distanza di una settimana dall'intervento per emorragia cerebrale le condizioni di Bruno Arena sono stabili. Max Cavallari, collega e amico di una vita, vuole essere ottimista

  • Star

    Bruno Arena è stabile. Il collega Max Cavallari: «Gli ho stretto la mano, mi ha sorriso»

    L’attore comico, ricoverato dopo aver subito un intervento per aneurisma la notte di giovedì scorso, è in condizioni stabili. Ancora nessuna notizia ufficiale dai medici del San Raffaele, ma colleghi e amici sono ottimisti

  • Star

    Ascolti tv: L'Isola rovina il (buon) debutto del nuovo Zelig

    La fiction di Rai 1 continua a macinare vittorie e il programma comico di Canale 5 deve accontentarsi del secondo gradino del podio.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it