Zelig:  difetti, virtù e record di battute

di Francesco Menichella 

Alla formula della trasmissione condotta dai generosi Claudio Bisio e Paola Cortellesi manca un capo e una coda ma...

Francesco Menichella

Francesco Menichella

Scopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Alla formula della trasmissione condotta dai generosi Claudio Bisio e Paola Cortellesi manca un capo e una coda. Qualcosa che da un punto di vista narrativo colleghi l'inizio alla fine. Siamo di fronte a una specie di enorme lombrico che a ogni interruzione pubblicitaria può essere tagliato senza comprometterne il senso. "È la tv del 2012, bellezza!" potrebbe essere la risposta. "Siamo moderni e pensati per finire a pezzetti su Internet." Oltre alla mancanza di un nesso logico tra le esibizioni degli artisti che si avvicendano sul palco alla settima puntata di Zelig manca la freschezza della diretta. In fase di montaggio è stata aggiunta una scritta di saluto a Lucio Dalla, di cui poi nello svolgimento del programma non si sente una dedica sonora, né un cenno da parte dei conduttori. Spiazza un po'. Vista la premessa, maggiore merito va alle doti da sprinter dei comici che in pochi minuti snocciolano un incredibile rosario di battute e sanno rendersi credibili per tenere alta l'attenzione del pubblico.

Bravi Claudio e Paola a fare da sponda ad artisti di ottimo livello, soprattutto quelli meno conosciuti. Un riferimento e una lode particolare la merita Gianluca De Angelis sia nella sua apparizione da solista sia in nel trio Sagapò, affiancato dagli ottimi Gianmarco Pozzoli e Marta Zoboli.
Si sono appena spenti gli echi delle polemiche tra Milan e Juventus per il gol fantasma dei rossoneri nella partita giocata la stessa sera del giorno le accuse di corruzione a Silvio Berlusconi vanno in prescrizione.
Ecco l'intercettazione telefonica di un dialogo tra Gigi Buffon e il Cavaliere, proposta da De Angelis.
Gigi: "Sabato per un attimo l'ho vista dentro."
Silvio: "A chi lo dici, l'ho scampata per un pelo!"
Nello speed date dei Sagapò è esilarante il momento dell'interrogazione.
Traduci: Tu quoque!
Non io non quoque, cucina mia madre.
Ubi maior?
Eric Clapton.
La rosa è composta da pistillo, petali, gambo e poi?
L'indiano che la vende.
Gli anfibi sono usciti dall'acqua e sono diventati?
Infradito.
Perché la terra continua a girare?
Perché non c'è parcheggio.

La serata inizia con i richiami sessuali di Rocco il gigolò, la mimica surreale di Simone Barbato e il trasformista Elio Marchetto. Tornano sul palco di Zelig Giancarlo Kalabrugovic con il suo Pino dei Palazzi ("Al bar dei palazzi se chiedi uno sbagliato ti fanno bere un crodino. Più sbagliato di così!"), i Pali e Dispari ("Sono a un bivio: Cgil, Cisl, Uil. Non so cosa scegliere. E tu?" "Ho scelto la Snai." "E funziona?" "Puoi scommetterci!"), Max Pisu nella parte del vecchio pensionato ("Ci hanno portato al multisala. Siamo entrati in 45 ma poi siamo usciti 18. Ho chiesto il perché al mio amico ancora seduto. "Non è un film in 3D?", ha detto. "Guarda che 3D non vuole dire tre giorni!"), Paolo Labati nella parte dell'ubriaco ("Quando bevo uso la cannuccia lunga così sto lontano dall'alcool."), Leonardo Manera ("Paghiamo le tasse e poi guarda i tempi della sanità, si chiamano raggi X perché sono un'incognita.") e il Jonny Groove di Giovanni Vernia che annuncia l'uscita nelle sale italiane del film Ti Stimo Fratello ("Mica vado su twitter perché sono un pecorone. Io ci vado perché ci vanno tutti.")
In tema di promozione artistica è presente tra il pubblico Carlo Verdone che oltre all'uscita della commedia Posti in Piedi in Paradiso, presentata da Paola Cortellesi nei panni di Silvana la coatta, ci invita a leggere il suo libro La casa sopra i portici.

Il difficile ruolo di spina dorsale della settima puntata di Zelig è affidato a tre colonne di sempre:
Ale e Franz: "Ho avuto un'infanzia difficile, papà è uscito a prendere le sigarette e non è più tornato."
" Tua madre non si è insospettita quando è uscito?" "Certo che ha capito." "Allora perché non l'ha seguito?" "Non poteva lasciare incustodita la tabaccheria.";
Gene Gnocchi: "Notizie di servizio. Domani l'università di Copenaghen consegnerà la laurea honoris causa a Francesco Rutelli. La motivazione: non è nato in Danimarca, non ha mai fatto politica in Danimarca contribuendo così al successo della Danimarca.";
Paolo Migone: "Il camper. Una stanza minuscola senza un di là ma l'aldilà in caso di incidente."

Per finire, l'oscar della serata: Maurizio Lastrico, che ha strappato un minuto di applausi.
Il virtuoso della parola, vate della comicità in endecasillabi questa volta è alle prese con un infernale problema nel bagno di casa ed è stato costretto a chiamare l'idraulico.

Ei finge d'armeggiar nel mio sciacquone
E stronzio annunzia il prezzo ai suoi rimedi
"Mille euro! ma ho cambiato anche il sifone."
Oh idraulo! Usurpator dei ceti medi
un tubo nel tuo didietro ti si insedi
E tua moglie un altro idraulico rimedi
così la testa a cu che tu possiedi
più corna avrà che gambe un millepiedi
E quando come un alce ti rivedi
Ripensi a dimandar quant'ora chiedi
Con faccia uguale ai glutei dove siedi.
Scusate a male estremi estrem rimedi.

>> A ZELIG, L'ECO DI SANREMO E GLI STEREOTIPI DI COPPIA
>> ZELIG, BEST OF DELLA QUINTA PUNTATA
> PIU' TV
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • Star

    Bruno Arena dimesso dal San Raffaele

    L'attore del celebre duo comico I fichi d'India è stato dimesso dall'ospedale San Raffaele dove è stato ricoverato in terapia intensiva per quasi un mese per essere trasferito in un centro di riabilitazione specializzato

  • Star

    Bruno Arena è stazionario. Max Cavallari:«Non posso pensare a un futuro senza di lui»

    A distanza di una settimana dall'intervento per emorragia cerebrale le condizioni di Bruno Arena sono stabili. Max Cavallari, collega e amico di una vita, vuole essere ottimista

  • Star

    Bruno Arena è stabile. Il collega Max Cavallari: «Gli ho stretto la mano, mi ha sorriso»

    L’attore comico, ricoverato dopo aver subito un intervento per aneurisma la notte di giovedì scorso, è in condizioni stabili. Ancora nessuna notizia ufficiale dai medici del San Raffaele, ma colleghi e amici sono ottimisti

  • Star

    Ascolti tv: L'Isola rovina il (buon) debutto del nuovo Zelig

    La fiction di Rai 1 continua a macinare vittorie e il programma comico di Canale 5 deve accontentarsi del secondo gradino del podio.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it