Gioele Dix, Crozza, Vauro e Nicole Minetti: le 10 battute top della settimana

di Francesco Menichella 

Nonostante la crisi, comici e politici fanno a gara per metterci di buonumore. La satira ci fa riflettere, la battuta comica ci rilassa e le castronerie politiche producono una risata sarcastica che alla fine ci confonde e preoccupa un po'

Francesco Menichella

Francesco Menichella

Scopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Si può ridere in tempo di crisi? Sicuramente sì. In fondo non sono le pasquinate, le satire e le burle ad averci messo in difficoltà. Lo spread, la corruzione e la recessione sono frutto di un altro genere di amenità. Il burlesque, per esempio, non ha nulla a che vedere con la satira e l'umorismo. La logica e la saggezza di un pensiero comico stuzzicano il ragionamento e i giochi di parole mettono a nudo i giochi di potere. Il problema è quando politici, scienziati e professori in tutta serietà rubano la scena ai cabarettisti. La risata in questi casi è liberatoria anche se, purtroppo, non ci libera.

Questa settimana al primo posto abbiamo Nicole Minetti, al secondo Gioele Dix, al terzo il The Journal of Sexual Medicine e al quarto Vauro: un politico, un comico, un medico e un satiro. Ce n'è per tutti i gusti.

Nicole Minetti - Telefonata a Berlusconi: «Amore posso portare una mia amica? Carinissima, bellissima ha la seconda laurea».

Giole Dix - Zelig: «Nella vita ci sono le grandi domande senza risposta e i perché che fanno riflettere. E poi ci sono le piccole domande senza risposta, i piccoli perché che fanno incazzare.  Perché su certi cartelli c'è scritto È VIETATO e su altri È SEVERAMENTE VIETATO, che differenza c'è? Se è vietato è vietato. Cos'è se c'è scritto che è severamente vietato parcheggiare il vigile è autorizzato a sculacciarti e a rinchiuderti nel box senza cena? Perché su certe scadenze c'è scritto ENTRO E NON OLTRE… se è entro è chiaro che non è oltre. Come andare dal benzinaio e chiedere di fare Il pieno nel serbatoio e non fuori».

Riassunto dal The Journal of Sexual Medicine: Il punto G esiste. Si trova nel cadavere di una donna di 83 anni.

Vauro - Servizio Pubblico: «Genova: Stadio Marassi. Ultrà del Genova costringono i giocatori a togliersi la maglia.
Roma: Palazzo Chigi. Ultrà delle tasse costringe i contribuenti a togliersi anche le mutande».

Maurizio Crozza/Formigoni - Ballarò: «Quando Gesù moltiplicava pani e pesci nessuno gli rinfacciava che non rilasciava gli scontrini».

Corrado Nuzzo e Maria Di Biase - Zelig:
«Due giorni fa ho trovato un uomo nudo nell'armadio».
«Ho sbagliato, mi dispiace».
«Ti dispiace? Ma se ieri ho trovato un nano nel tuo comodino!»
«Sto cercando di smettere».

Formigoni - battibecco con la giornalista che chiede di Daccò e l'inchiesta Sanità : «La gente non si occupa di questo fatto. Vuole qualche lezione di giornalismo?»

Ale e Franz - Zelig:
«Ho trovato Bill morto in una cassaforte. Sai chi è stato?»
«Sono stato io!»
«Ma se ti avevo detto di risparmiarlo!»
«Appunto».

Maurizio Crozza - Ballarò: «La teoria del caos. Girano le pale di un elicottero in India e a Bergamo regalano un'Audi al Trota. In un periodo di vacche magre ci si butta sulle vacche sacre?».

Enrico Bertolino nella parte di un muratore bergamasco parla con l'architetto - Zelig:
«Ti faccio vedere il progetto in 3D».
«Architetto a me basta un'ora altro che 3D!»

> PIU' TV
> PIU' STAR

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it