Un due tre stella: Burlesquoni, Rezza e Frassica

di Francesco Menichella 

Questa settimana Un Due Tre Stella ha toccato il nervo più scoperto e oscuro in Italia, la giustizia: Ustica, Bologna, la Diaz, gli immigrati perseguitati dalla legge italiana...

Francesco Menichella

Francesco Menichella

Scopri di piùLeggi tutti


Sabina Guzzanti - Foto LaPresse

Sabina Guzzanti - Foto LaPresse

«In Italia non c'è giustizia, arrivederci e grazie!» dice Sabina Guzzanti nel monologo che apre la penultima puntata di Un Due Tre Stella. Poteva finire lì e sarebbe stato il momento più originale nella storia della televisione. L'apice di ogni collera e indignazione nei confronti dello stato della giustizia in Italia.  Ma la satira è una forma di spettacolo e come tale deve continuare.

Un Due Tre Stella tocca il nervo più scoperto e oscuro, la giustizia in Italia: Ustica, Bologna, la Diaz, gli immigrati perseguitati dalla legge italiana, i pensionati, il sovraffollamento nelle carceri,  le prescrizioni di Berlusconi, Andreotti, Bassolino e la relazione tra Stato e mafia. «Dell'Utri (uno dei fondatori di Forza Italia) faceva il mediatore tra l'ex presidente del consiglio e la mafia».

Solo questa parziale elencazione dovrebbe mandarci in bestia. E in effetti il livello di adrenalina quando si parla di certi argomenti è direttamente proporzionale al livello di informazione. Più ne sappiamo e più ci intossichiamo di bile. Per questo la satira che fa informazione è spesso arrabbiata. Quella di Sabina certo lo è ma non manca di un sano e divertente sarcasmo: «Un pensionato su due vive con meno di 1000 euro e non può nemmeno tornare a casa a vivere con i genitori».

Eppure è inutile nascondere che le critiche alla trasmissione sono state in maggioranza negative e la lista degli insulti che Sabina ha raccolto in queste ultime settimana è impressionante: «Populista, volgare, greve, odiosa, saccente, la bella incazzata nel bosco, pazza, misogina, irrispettosa, comunista, denigratoria, sguaiata, isterica, posseduta, imbarazzante, becera, disgustosa, puerile, stridula, sboccata, già condannata dalla società civile».

Il fatto che sia lei stessa a riportare l'elenco è un gradevole esempio di autoironia. Lei comunque è riuscita a portare in televisione la sua visione della satira. Oltre ai  giovani talenti, le imitazioni e  la discussione sul tema della giustizia con il procuratore capo della Corte d'Appello di Torino, Gian Carlo Caselli, e Enzo Romani, ferito il 28 maggio del 1974 nella strage di piazza della Loggia a Brescia, nella settima puntata Sabina Guzzanti porta in tv la portentosa energia comica di Antonio Rezza e dei suoi surreali esercizi spirituali: «A volte in piedi come i Corinzi altre volte seduti come i Farisei».

Resta pienamente centrata la presenza comica di Rosalia Porcaro, questa volta nei panni della star «sulla cresta del gallo da tempo che non è cambiata ma è rimasta sempre la stessa ragazza della porta chiusa accanto», e naturalmente di Nino Frassica: «Oggi si festeggia San Zigadeo protettore dei ladri di cavalli e Santa Gruppea che protegge chi con una dieta ha perso almeno 8 chili. Oroscopo. Bilancia: posti di blocco. Leone: avrete la voglia di fare l'amore in posti strani, tipo la casella della posta. Toro: Saturno passa in Ariete, ma una cosa rapida».

Volgarità e turpiloquio non sono la stessa cosa, «le parolacce a volte danno energia e vibrazione», dice nel suo monologo Sabina Guzzanti. «La satira è un modo di fare giustizia. Secondo le ultime dichiarazioni di Silvio Berlusconi le donne sono naturalmente delle esibizioniste esclusa sua madre, suppongo». Ed ecco aprirsi il siparietto con il balletto del suo Burlesquoni. Insomma, per parafrasare Antonio Rezza la satira non è solo negli occhi di chi la vede ma soprattutto nelle azioni di chi ha il coraggio di farla.

DA STYLE.IT

  • Viaggi

    #ViaggiCheAmo

    Una mostra a Milano per chi ama viaggiare

  • Viaggi

    Si cambia musica! Una vacanza a ritmo di rock!

    Un viaggio in tour con le band che hanno fatto la storia della musica rock secondo Hotels.com

  • Viaggi

    Concerti 2014

    Le date dei concerti, i tour, gli spettacoli

  • Viaggi

    Dove andare in vacanza nel 2014? Te lo dice l'oroscopo!

    Ecco i consigli per le destinazioni più adatte segno per segno


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it