Luca Zingaretti nei panni di Borsellino

di Laura Frigerio 

A vent'anni dalla sua morte (e da quella di Giovanni Falcone, il cui anniversario ricorre domani), Raiuno ricorda il giudice attraverso la fiction Paolo Borsellino, i 57 giorni. Protagonista un commovente Luca Zingaretti

Laura Frigerio

Laura Frigerio

ContributorLeggi tutti

«Borsellino era un uomo gioviale, innamorato della vita e della famiglia, che a un certo punto si sentì circondato da una solitudine crescente: all'improvviso in quei giorni gli si svelò la realtà atroce che lo aspettava, ma non fece nessun passo indietro, con un coraggio impareggiabile». Così Luca Zingaretti racconta il 'suo' Paolo Borsellino, quello che ha interpretato con una tale intensità da commuovere chi già ha avuto modo di vedere in anteprima Paolo Borsellino, i 57 giorni.

La fiction, in onda stasera su Raiuno, vuole ricordare il giudice palermitano a vent'anni dalla sua morte, avvenuta per mano della mafia il 19 luglio 1992. In particolare ripercorre i 57 giorni che intercorrono tra l'assassinio del suo collega e amico Giovanni Falcone, sui cui indagava, e la strage di via D'Amelio.

«Credo che raccontare la storia del '92-'93 sia una chiave per interpretare il presente. In momenti di crisi come quelli che stiamo vivendo le emozioni suscitate da un film come questo sono un veicolo per portare nelle case il messaggio di quel giudice che per amore dello stato ha rischiato tutto, offrendo uno degli esempi più alti di attaccamento allo Stato» - dice Zingaretti - «Ho cercato di restituire la fragilità di quei giorni, perché un eroe non è tale se non prova paura e cerca di vincerla».

> PIU' TV
> PIU' STAR

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it