Wind Music Awards, le pagelle

di Martina Pennisi 

L'appuntamento estivo della musica italiana in onda su Rai 1.

Martina Pennisi

Martina Pennisi

ContributorLeggi tutti

Dopo una lunga attesa e qualche rinvio, è andata in onda su Rai 1 la serata dei Wind Music Awards. L'evento musicale è stato registrato il 27 e il 28 maggio all'Arena di Verona e ha premiato i big della musica nostrana: da Laura Pausini a Tiziano Ferro passando per Ligabue, Noemi ed Emma. A fare gli onori di casa l'inedita coppia Carlo Conti - Vanessa Incontrada.

Una pacca sulla spalla ai WMA: dovevano andare in onda il 20 giugno, a un (lungo) mese dalla registrazione, e hanno subìto un ulteriore slittamento. Intanto è stato trasmesso, con successo, il concerto per l'Emilia che ha visto avvicendarsi sul palco più o meno gli stessi volti. Il rischio di un calo dell'appeal c'è: aspettiamo il responso dell'auditel.

Una ola per Noemi: si è distinta per grinta e incisività, confermandosi in testa alla lista delle cantanti più promettenti della nuova generazione. Ha duettato con Antonello Venditti, Sono solo parole, e Fiorella Mannoia, Quello che le donne non dicono, e ottenuto la benedizione delle ugole della vecchia guardia. Avanti così.

Un applauso convinto a Giorgia: il singolo Tu mi porti su esalta le sue doti da fuoriclasse e flirta come si deve con radio e lettori digitali. Tu, appunto, mi porti su (in classifica).

Una stretta di mano a Ligabue: senza ombra di dubbio il più atteso e il più applaudito. (Forse) fatta eccezione per…

Una stretta di mano II e III a Alessandra Amoroso ed Emma: conoscono bene quel palco e il pubblico conosce sempre meglio loro. La doppia risposta più convincente a chi a teme l'effetto 'meteora da talent'.

Un microfono a Pierdavide Carone: intervenuto per  ricordare Lucio Dalla, non ha cantato. Peccato.

Un applauso a Carlo Conti: ha tenuto bene la lunga maratona e confermato di essere in grado di imbastire e condurre un Sanremo come si deve. Appuntamento al febbraio del 2014.

Un paio di scarpe basse a Vanessa Incontrada: l'anno scorso si è slogata la caviglia e quest'anno e scivolata rovinosamente un paio di volte. Optiamo per un paio di ballerine?


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it