Nine. Tutte pazze per Fellini

14 gennaio 2010 
<p><em>Nine</em>. Tutte pazze per Fellini</p>
PHOTO THE WEINSTEIN COMPANY

Il prossimo 20 gennaio avrebbe compiuto novant'anni: è anche per celebrare il genio di Federico Fellini che Nine di Rob Marshall uscirà nelle sale italiane proprio a ridosso di questo anniversario, il 22 gennaio.

Il titolo del film è un chiaro riferimento a 8 ½, il nono film diretto da Fellini. Quando era ancora in vita, il regista aveva infatti proibito che a Broadway, per il musical tratto dal suo film, fosse usato il suo nome e lo stesso titolo.
«Non si tratta di un remake di 8 ½ - si affretta a precisare Rob Marshall, giunto all'anteprima italiana con Marion Cotillard, Penelope Cruz e il cast italiano - perché è impossibile fare il remake di un capolavoro. Semplicemente, il mio Nine è la trasposizione cinematografica del musical Nine, che era a sua volta liberamente ispirato a 8 ½».

La trama, comunque, è quella dell'indimenticabile capolavoro del cinema italiano: il famoso regista Guido Contini (Daniel Day Lewis), affronta una crisi creativa e personale. Un blocco del regista piuttosto imbarazzante, dal momento che alla vigilia delle riprese non ha né un copione né idee. Ad aggravare la sua situazione contribuiscono i rapporti complicati con tutte le donne della sua vita: una madre (Sophia Loren) che continua ad apparirgli in sogno, la moglie (Marion Cotillard), l'amante (Penelope Cruz), la musa ispiratrice (Nicole Kidman), una giornalista di moda (Kate Hudson), l'amica costumista (Judi Dench) e una prostituta conosciuta da bambino (la cantante Fergie).

L'ambientazione è la Roma della "dolce vita", arricchita da scenografie maestose e costumi sfarzosi per coreografie che ben si innestano nella trama: «Un periodo chic - spiega il regista - che volevo ricordare e far conoscere in America. Fellini - prosegue - è stato il pioniere del musical, il maestro dei maestri. Il suo modo straordinario di fondere la realtà con i sogni e la fantasia è uno strumento eccezionale per evitare la più grande insidia del musical: il momento in cui l'attore inizia a cantare che non deve apparire una forzatura».

E le attrici di Nine, tutte senza eccezione, di Fellini si dichiarano innamorate.

Penelope Cruz confessa di aver trovato ispirazione in alcune vecchie interviste di Sandra Milo: «Mi hanno permesso di comprendere l'ossessione e la dipendenza del mio personaggio per quell'uomo, il fatto che lei non era abbastanza forte per trarsene fuori e sono state, per il mio lavoro, preziose come gioielli».

Marion Cotillard, invece, ha una fonte d'ispirazione originale: «Ovviamente ho letto tutto quello che riguardava Giulietta Masina, ma è stato un documentario su Apocalipse now, girato dalla moglie di Francis Ford Coppola, che mi ha fatto capire che cosa significa amare una persona la cui mente è costantemente impegnata in un processo creativo».

Sophia Loren si rammarica di non aver mai avuto l'occasione di girare un film con Fellini, nonostante che all'epoca i contatti col regista ci fossero stati. «Sono comunque felice - aggiunge - di contribuire con questo progetto al suo ricordo».
Osservazione condivisa da Rob Marshall: «In America i ragazzi non conoscono Fellini. Spero che il mio film li incoraggi a vedere prima 8 ½ e poi gli altri suoi lavori».

Oltre a quello della Loren, nel cast figurano i nomi di altri attori italiani: Riki Tognazzi è il produttore che spinge per dare una parte a una giovane attrice, interpretata da Martina Stella. Valerio Mastandrea è un simpatico receptionist d'albergo ed Elio Germano l'assistente del regista sul set. Ci sono poi Sandro Dori, Giuseppe Cederna, Roberto Nobile, Remo Remotti, Monica Scattini e Roberto Citran. Per molti di loro la partecipazione si riduce a poco più di una comparsata, con qualche battuta. Piccoli ruoli che potrebbero però essere un'ottima vetrina internazionale e bastare per aprire una strada verso il cinema hollywoodiano.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).