Kirsten Dunst: dai manga a Jason Schwartzman


22 febbraio 2010 
<p>Kirsten Dunst: dai manga a Jason Schwartzman</p>

<div><span><span><br />
</span></span></div>

Prima un coloratissimo divertissement in stile cosplay in cui l'attrice di Spiderman compare in stile Sailor moon, poi un video pubblicitario per il lancio di una collezione... Kirsten Dunst, data per dispersa nei cinema, sta diventando la regina dei corti.

Cominciamo dal più recente: per lanciare la collezione Primavera-estate del marchio Opening Ceremony, Kirsten è stata reclutata assieme a Jason Swartzman (Il treno per Darjeeling) per il cortometraggio Non plus one. Girato da Gia Coppola e Tracy Antonopoulos, il corto ricalca le atmosfere vintage del super 8, con riprese "impolverate", filtri rossi e blu, camera a mano, ammiccamenti alla Nuovelle Vague e la musica dei Coconut Records a sugellare una veloce (il tempo di uno spot...) storia d'amore tra i due attori.

Il secondo video, forse più appetitoso per fan e curiosi, risale invece allo scorso autunno ma sta godendo di una nuova vita sul web proprio in questi giorni. Parrucca blu, gonnellina micro e le note di Turning Japanese dei Vapor (cantata dalla stessa attrice), il video non ha un nome facilissimo da memorizzare: Kihabara Majokko Princess... Diretto da McG (il regista di Terminator salvation e Charlie's angels), il corto era stato commissionato all'artista giapponese Takashi Murakami dalla Tate Modern di Londra in  occasione della mostra Pop life: art in the material world. Ma da allora era stato possibile vederlo solo di persona, alla Tate. Da qualche giorno, invece, gira anche sul sul web... Ma ancora per poco, pare: feticisti dei Manga e Kirsten lovers, affrettatevi!

Niente panico, infine, per chi Kirsten vuole vederla al cinema: non sarà il suo momento d'oro, ma ha appena finito di girare All good things, con Ryan Gosling

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).