Logan Lerman: Guardati le spalle, Harry Potter

09 marzo 2010 
<p>Logan Lerman: Guardati le spalle, Harry Potter</p>
PHOTO - KIKAPRESS - KIKA PRESS

Dopo il suo ruolo in Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini, in cui è uno scolaro difficile che scopre di essere figlio di Poseidone e si trova coinvolto in una guerra tra divinità, è stato definito l'erede di Daniel Radcliffe- Harry Potter.

Eppure Logan Lerman, 18 anni, è giunto al film che potrebbe trasformarlo in star con un curriculum più nutrito del collega: a otto anni era il figlio di Mel Gibson nel Patriota e poi ha lavorato con attori come Russell Crowe e Jim Carrey. «Se abiti a Los Angeles è facile mettersi in fila per uno dei tanti provini. E io desideravo recitare già a cinque anni».

Come vede il paragone con Harry Potter? «Spero avremo altrettanto successo, ma sono due progetti diversi: il nostro non parla di magia ma di mitologia greca, e credo farà riscoprire gli dei a chi li conosce poco. La fama personale non mi interessa, se non è accompagnata dalla consapevolezza di girare buoni film».

Che cosa l'ha attratta di questo progetto?
«Il fatto che lo dirigesse Chris Columbus: non solo ha girato due episodi di Harry Potter, ma anche I Goonies, che io adoro. Lui è la persona a cui ho cercato di rubare più segreti, insieme a Jim Carrey, con cui ho parlato a lungo sul set di Number 23».

Lei è protagonista anche di Gamer, che in Italia uscirà ad aprile.
«Lì ho iniziato a prendere confidenza con gli effetti speciali. In Percy Jackson ce ne sono tanti, ma io non ho usato controfigure ».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).