Il mito di Robin Hood, dal cinema ai manga giapponesi

10 maggio 2010 

Robin Hood ha 102 anni: la sua prima volta sullo schermo è stata nel 1908, nel film muto Robin Hood and his merry men. Nel '73 fu la volta del cartoon Disney (nella foto). Oggi, invece, ha lo stesso volto del Gladiatore (cioè Russell Crowe) di nuovo protagonista per il regista Ridley Scott in Robin Hood (al cinema dal 12 maggio, dopo l'anteprima a Cannes).

Ma la storia del ladro gentiluomo è stata raccontata tantissime volte in quasi un secolo di cinema. Nel '38 La leggenda di Robin Hood, con Errol Flynn, è nominato per 4 Academy Awards e se ne aggiudica 3. Nel '52 esce The story of Robin Hood and his merry man di Walt Disney: delude, anche se è il film più costoso mai dedicato all'eroe. Ancora Disney, nel '73 produce quello che diventa un cult: il cartoon in cui Robin è una volpe e tutti i personaggi sono animali. Il regista è Wolfgang Reitherman, lo stesso della Carica dei 101 e gli Aristogatti.

Nel '76, in Robin e Marian, i protagonisti sono nientemeno che Sean Connery e Audrey Hepburn: lui torna da una guerra di vent'anni e scopre che Marian si è fatta suora. Tra lotte e battaglie, finiranno come Romeo e Giulietta, avvelenandosi entrambi.

Nel '90 arrivano gli anime, i cartoni giapponesi, e l'anno dopo tocca a Kevin Kostner in Robin Hood: principe dei ladri di Kevin Reynolds. Questa volta Sean Connery è Re Riccardo Cuor di Leone. C'è il lieto fine: il matrimonio. Del '91 è anche Robin Hood di John Irving: storia oscura in cui Uma Thurman è una Lady Marian piuttosto impertinente.

Due anni dopo arriva la parodia diretta da Mel Brooks, che ha nel ruolo principale Cary Elwes, Robin Hood: un uomo in calzamaglia (lo sceriffo si chiama Smerdino di Ruttingham).

Nel 2000 arriva in Italia la serie tv inglese che prende ancora una volta il titolo dal nome del protagonista, la cui trama si rifà alla solita tradizione popolare.

E si arriva all'oggi, al Robin Hood di Ridley Scott, un kolossal che, come sembra dai trailer, non avrà nulla da invidiare al Gladiatore che ha fatto la fortuna dell'accoppiata Scott-Crowe.

GUARDA LA GALLERY Tutti i Robin Hood del cinema (e non solo)

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).