Twilight 3: l'Eclipse del sesso

30 giugno 2010 
<p>Twilight 3: l'<em>Eclipse</em> del sesso</p>

Prima o poi qualcuno dovrà studiarlo, ma seriamente, il fenomeno Twilight. Dovrà spiegare, e sul serio, il motivo per cui, in un'epoca di sex addiction, di tripudio dell'ammiccamento selvaggio, di seduzione e proliferazione di sex toys, orde di adolescenti in tutto il mondo (insieme a mamme e nonne) si siano appassionate a una saga dove il sesso è (apparentemente?) tabù. Ma forse la risposta l'abbiamo già data.

Proprio in Eclipse - terzo capitolo cinematografico della fortunata saga di Twilight firmata dall'americana Stephenie Meyer (100 milioni di copie in più di 50 Paesi), dal 30 nelle sale - si celebra il trionfo del chi va là . Emblematica la scena in cui lei (Bella, l'umana) e lui (Edward, l'etereo vampiro), giovani, belli e innamoratissimi si ritrovano finalmente soli (dopo 1200 pagine  e cinque ore di film), di notte, a casa (e che casa) di lui. Lei sembra avere le idee chiare al punto che, appena arrivata, si dirige lesta in camera da letto. I due si sdraiano, si abbracciano, si baciano, si sfiorano, lei dice: «Ti voglio», ma proprio quando ogni inibizione sembra ormai sciolta, lui frena: «Anch'io ti desidero, ma prima voglio sposarti, come si addice a un uomo della mia età» (che, per i non addicted, è stimata intorno ai 109 anni effettivi, 17 apparenti). Un uomo di altri tempi, insomma, fedele al protocollo: all'improvviso s'inginocchia per impalmare la sua Bella con l'anello (ottocentesco) della madre. E noi, che avevamo creduto che la ritrosia carnale di Edward fosse riconducibile alla (romantica) preoccupazione di non nuocere all'amata mortale (la vicinanza fisica ne avrebbe potuto risvegliare la natura sanguisuga), apprendiamo che invece il «problema» è di carattere morale. E il dubbio è lecito: nella inflessibile condotta del vampiro la scrittrice Meyer avrà  voluto proiettare la sua (rigida) educazione mormona?

Ciò che è certo è che Twilight potrebbe essere adottato come il manifesto di un ideale americano di castità tanto caro al governo repubblicano e conservatore di George W.Bush quanto a quello democratico e progressista di Barack Obama, entrambi fautori di programmi statali che predicano l'astinenza come migliore strumento di contraccezione (!) e prevenzione dalle malattie veneree. Del resto: «Non preoccuparti, sono vergine!» proclama Bella al padre imbarazzato in procinto di illustrarle i rischi connessi alla pratica sessuale.

Di sesso non se ne fa, eppure la storia trasuda di eros lo stesso, tanto dallo sguardo languido, ancorché arancione, di Robert Pattinson, quanto dai muscoli prominenti del licantropo Taylor Lautner (a torso nudo persino durante una tormenta di neve). E il segreto del successo probabilmente risiede proprio qui: nel fatto che Bella si ritrova contesa tra il prototipo del micio e quello del macho, in una tensione erotica costante, che la spinge addirittura nelle braccia dell'altro, sotto gli occhi di lui. La storia ha tutte le caratteristiche di una favola, con protagonista la fanciulla in pericolo bisognosa di protezione, ma ha in più  l'ingrediente neofemminista del girl power, visto che alla fine la scelta spetta a lei.

Il finale è già scritto (nel quarto volume), e lei sceglierà lui. E questo è già un lieto fine: coi tempi che corrono sarebbe stato molto più probabile che lui scegliesse l'altro.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
juliett 75 mesi fa

edward non va a letto con bella semplicemente perchè è coerente con le caratteristiche del suo personaggio. è sempre ben sottolineato nei libri che edward ha 109 anni anche di testa e la meyer sarebbe stata ridicola e poco credibile se avesse ceduto alla fantasia di farli accoppiare alla prima occasione utile. se io fossi una vampira, se mi dovessi ritrovare a vivere da adolescente in un'era futura, credo che manterrei i miei ideali, perchè è così che sono cresciuta. e poi abbiate pazienza, che se faranno una figlia di certo non l'avranno grazie a qualche magia. qui Bush, i repubblicani e conservatori etc non centrano nulla...per una volta, almeno nei sogni di ogni ragazza, la politica lasciamolo fuori.

vali 77 mesi fa

Concordo in pieno! Non è forse meglio così?

Aldamar 78 mesi fa

Piccolissima divagazione (da sex-addicted) ma dove la posso trovare, una vampira insaziabile, per uno che non avrebbe nessuna remora a farmi sfasciare il letto da una che perde il suo autocontrollo? Scherzo Frenzi: massimo rispetto per i fan della saga (come mia figlia) ;)

Piccola precisazione (da fan di Twilight): le preoccupazioni di Edward nel fare l'amore con Bella sono solo in minima parte di carattere morale; come viene spiegato bene in Breaking Down, Edward ha paura di toccare Bella finchè è in forma umana perchè la perdita del suo autocontrollo lo porterebbe a farle del male se non addirittura ad ucciderla (infatti la prima volta che Edward e Bella fanno l'amore mentre si trovano in luna di miele perchè lui finalmente cede, la mattina dopo Bella si ritrova piena di lividi e vede che Edward ha completamente distrutto il letto...)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).