Da Frassica alla Marini, tutti «Lost in Somewhere»

12 agosto 2010 

Sarà senz'altro uno dei protagonisti della prossima Mostra del Cinema di Venezia, dove sarà presentato in concorso il 3 settembre, il nuovo film di Sofia Coppola, intitolato Somewhere, «da qualche parte», che la regista ha girato mentre era in dolce attesa ( di Cosima, la secondogenita nata il 28 giugno scorso).

Conclusa la «trilogia dell'incomunicabilità» - iniziata nel '99 con Il giardino delle vergini suicide e terminata quattro anni fa con Maria Antoinette (in mezzo l'acclamato Lost in Translation, del 2003) - la regista figlia del maestro Francis Ford affronta la metamorfosi interiore di uno scapestrato attore di Hollywood, Johnny Marco (interpretato dal semisconosciuto Stephen Dorff), che, incurante della carriera in declino, è dedito unicamente a donne, vizi ed eccessi. A redimerlo ci penserà sua figlia undicenne (con il volto di Elle Fanning, 12, sorella della più conosciuta Dakota, ma come lei enfant prodige del grande schermo) che un giorno piomberà inaspettatamente a casa sua, finendo col stravolgergli l'esistenza (in positivo, naturalmente).

A rendere particolarmente curioso il film al pubblico italiano la lunga serie di camei di star nazionali, da Simona Ventura a Laura Chiatti passando per Valeria Marini e Nino Frassica, accreditate nel ruolo di se stesse.

VAI ALLA PHOTO GALLERY DEL FILM

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).