Solarino, Scianna, Paz Vega, Timi e il brivido di incontrare René

07 settembre 2010 

- GUARDA LA DOCCIA SEXY DI FILIPPO TIMI

- LEGGI L'INTERVISTA A KIM ROSSI STUART DI VANITY FAIR (E GUARDA IL VIDEO)

- SFOGLIA IL FASHION PORTRAIT DI VALERIA SOLARINO


Al «bel René», non basta il paio d'occhi di Kim Rossi Stuart per non fare più paura. Filippo Timi, in Vallanzasca - Gli angeli del male di Michele Placido Enzo, l'amico fraterno e traditore, ricorda quando per prepararsi al ruolo l'ha incontrato: «un signore distinto, simpatico, fuori da ogni sospetto: mi ha spaventato, perché allora vuol dire che ha ragione Shakespeare, che il male, la devianza, non sono all'inferno, ma dentro di noi».

Valeria Solarino, Consuelo nel film, la prima donna del bandito, quella che gli dà un figlio, Massimilano, e l'addio, dice che «Vallanzasca vero era bello, sì, ma la Consuelo, vera, di più». Francesco Scianna, il criminale Turatello, ha passato due ore in carcere prima di una scena. E ha sentito sulla pelle «un brivido». Paz Vega, che interpreta l'ultima compagna di Vallanzasca, Antonella, in tutta sincerità di lui non aveva «mai sentito parlare fino al copione». Ma in fondo poco conta. «Siamo attori», dice, «ci tocchi il bianco o il nero, conta starci con il cuore».

ECCOLI NELLA NOSTRA INTERVISTA A QUATTRO:

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).