Isabella Ragonese: «Ma quali veline, noi siamo meglio degli uomini»

08 settembre 2010 

>> Le foto di Isabella Ragonese al Lido di Venezia

«A scuola? Se me lo concedete, ero una gran paracula». Concesso, per carità, non fosse altro perché Isabella Ragonese, 29 anni, a Venezia è la madrina della Mostra del cinema. Dove presenta anche un film. Il ruolo? Per contrappasso, la «studentessa paracula» è, nel Primo incarico, esordio alla regia di Gioia Cecere (presentato al Lido nella sezione Controcampo italiano), una professoressa degli anni '50, Filomena. Una donna alle prese con un trasferimento professionale che stravolge stati d'animo e promesse d'amore. «Una maestra del Sud», specifica Isabella. «La mandano a insegnare a 150 km da casa, in Salento. In quei tempi lì, mica roba da ridere. E infatti: sarà una rivoluzione».

Le scuole stanno per ricominciare, quest'anno «riformate» dalla manovra Gelmini.

«Gli studenti e i professori alle prese con i tagli vivono lo stesso disagio di noi attori. La lotta non dovrebbe più essere corporativa, ma unirci. Perché l'emergenza è di risorse alla cultura, a quello che non è esattamente un optional in un Paese come l'Italia, né può rimanere solo un orgoglio declinato al passato. Ci stiamo giocando il futuro».

Che studentessa era?

«Atipica: non una secchiona, detestavo ripetere la paginetta a memoria, piuttosto interrogata raccontavo dei libri che leggevo, dei film che guardavo. La sfangavo sempre rivoltando, insomma, la frittata. Per il resto, ero una bella frana nelle materie scientifiche, brava in quelle umanistiche. In cattedra una prof. eccezionale, la Pompeo, di greco e latino. Se lei un giorno non m'avesse detto: "Prova a recitare, iscriviti al laboratorio pomeridiano di teatro", oggi non sarei qui».

Qui, dove da madrina avrà visto tutti i film.

«Tutti non è umanamente possibile. Però c'è chi si sorprende di vedermi alla proiezione delle 8.30. Il giorno dopo titola: "La Ragonese "beccata" in sala all'alba. Come fosse una cosa strana».

Mai senza...

«La pasta al forno che adoro. Mi butto sul culinario perché, al netto di tutto, credo che mangiare sia una delle poche cose davvero irrinunciabili».

E' stata molte donne: la moglie di periferia (La nostra vita), la prof. in crisi (Il primo incarico), la ragazza innamorata della sua amica di sempre (Viola di mare), la laureata precaria (Tutta la vita davanti). Come stanno, oggi?

«Stiamo male. E finché non ci svegliamo poco cambierà. Senza contare che provo un fastidio reale nella rappresentazione che si fa di noi».

In Tv, con le veline e altre loro declinazioni?

«Ovunque. Lavoriamo duramente, siamo più preparate degli uomini. E dobbiamo ancora dimostrare di essere professionali e intelligenti. In più dobbiamo pure essere maestre nel conciliare insieme casa e lavoro, senza alcun aiuto».

Sembra una storia vecchia decenni.

«Perché ancora siamo ingabbiate. In tanti stereotipi. Siamo sempre "qualcosa": una mamma, una figlia, una moglie, un'amante, una donna in carriera. Non riusciamo a guarire».

Guarda anche:

>> Le foto di Isabella Ragonese al Lido di Venezia

Leggi anche:

>> Isabella Ragonese, la madrina che salta in alto (e sogna l'America)

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
marta 75 mesi fa

bello leggervi, ascorlarvi e sognare a distanza questo festival..

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).