Puccini, due volte Vittoria

10 settembre 2010 
<p>Puccini, due volte Vittoria</p>

«Grazie. La nomination per me era già una soddisfazione, vincere votata dal pubblico lo è ancora di più, perché il nostro lavoro è uno scambio continuo con l'audience: l'attrice comunica e il pubblico risponde con il suo affetto. E' bello sapere di essere riuscita a trasmettere qualcosa». Vittoria Puccini, già premio Kinèo - Diamanti per il cinema, ora anche Premio L'Oréal Paris per il cinema 2010, sulle colleghe Cécile Cassel, Diane Fleri, Laura Chiatti, Isabella Ragonese, arrossisce e confessa «Sono particolarmente felice anche perché credo di rispecchiarmi in un marchio che, affidandosi alle attrici, promuove un'idea di bellezza che non è solo ideale, legata a canoni estetici oggettivi, ma reale, rappresentata da donne conosciute in tutto il mondo per quello che hanno trasmesso da dentro, prima che con il loro aspetto esteriore».


In un autentico slancio emotivo l'attrice continua e specifica: «Per me la bellezza è rispettare quello che si è senza stravolgerlo, gli stravolgimenti rischiano di diventare delle "mascherate", si perde forza, fascino e carisma: le donne più belle che ho incontrato nella mia vita sono quelle che entrano in una stanza ed emanano una luce particolare che non viene dalla bellezza ma dal carisma, che sembra quasi palpabile ed è qualcosa che non si costruisce ma viene da sé».


GLI ALTRI PREMI:

> TARANTINO E SWINTON NASTRI D'ARGENTO
> CONTROCAMPO ITALIANO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).