Festival del cinema, red carpet occupato nel giorno di Keira

28 ottobre 2010 

GUARDA LE FOTO DEL POPOLO DEL CINEMA, REGISTI E ATTORI, SUL RED CARPET OCCUPATO
SFOGLIA LA GALLERY DI KEIRA KNIGHTLEY

GUARDA LE FOTO DI EVA MENDES
GUARDA
IL BALLETTO SEXY DI EVA PER I FOTOGRAFI
LEGGI L'
INTERVISTA A KEIRA KNIGHTLEY
SCOPRI I MUST DI KEIRA KNIGHTLEY SUL TAPPETO ROSSO
IL TEMA: I GRANDI TRADITORI DELLA STORIA DEL CINEMA

La prima sera del festival di Roma è nel segno, oltre che delle celebrity internazionali, della protesta, sostenuta dai "Centoautori" e dai sindacati del mondo del cinema contro i tagli al Fus (Fondo unico per lo spettacolo) e agli incentivi al settore. Non sono bastate le promesse del governo, che ha annunciato il reintegro del Fus e il prolungamento dei provvedimenti fiscali come il tax shelter a placare gli animi. Un corteo di duemila persone, con lo slogan Tutti a casa (in testa lo sceneggiatore Stefano Rulli, ma ci sono anche, tra gli altri, Cristina Comencini e figli, Paolo Virzì e Micaela Ramazzotti, Ettore Scola, Paolo Sorrentino, Isabella Ferrari, Kim Rossi Stuart, Francesca Inaudi e Michele Riondino) è partito nel tardo pomeriggio dal palazzetto dello sport, a due passi dall'Auditorium dov'è in scena il festival, e ha occupato il red carpet avrebbero dovuto sfilare i protagonisti di Last Night, Keira Knightley ed Eva Mendes.

I manifestanti seduti a terra nella cavea antistante la sala Santa Cecilia hanno impedito il passaggio delle star, e la proiezione del film d'apertura è iniziata senza tappeto rosso. La madrina, Valeria Solarino, ha espresso solidarietà alla manifestazione. Come la stessa regista di Last Night, Massy Tadjedin, che ha detto: «Non abbiamo calcato il red carpet questa sera perché sosteniamo questa manifestazione: un Paese è nulla senza cultura». Applauditissimo il discorso di Sergio Castellitto, che ha letto il documento di protesta.

KEIRA ED EVA INCANTANO ROMA - Keira Knightley magra e nervosa in un vestito corto di Chanel e tacchi chilometrici. Eva Mendes radiosa, avvolta in un abito in stile impero di Oscar De La Renta e i capelli sciolti sulle spalle. Le due attrici hanno portato alla conferenza stampa di Last Night il primo tocco di glamour al festival del cinema di Roma. Dopo un'accoglienza fredda da parte della stampa, che stamattina ha assistito alla proiezione del film, la Knightley e la Mendes si sono presentate di fronte ai giornalisti insieme con la regista Massy Tadjedin e Guillaume Canet, uno dei protagonisti maschili della pellicola.

LAST NIGHT - Amore e tradimento sono i temi del film che inaugura il festival. Una coppia felice, composta da Keira Knightley e Sam Worthington, si trova di fronte alla tentazione del tradimento, incarnata per lei da Guillaume Canet e per lui da Eva Mendes. L'infedeltà consumata o solo sognata, un dilemma che porta lo spettatore a interrogarsi sul senso del tradimento. "Non so che cosa sia peggio: se il tradimento fisico o quello mentale", dice la Knightley. "Mentre giravamo il film, continuavo a cambiare idea. Ma è proprio questa la forza del film e della sceneggiatura, che mi hanno conquistata: non dare giudizi morali ma provocare un dibattito". Guillaume Canet risponde al quesito con una battuta: "In entrambi i casi, ti senti in colpa". Per il ruolo della "tentatrice", Eva Mendes ha cercato di costruire un personaggio lontano dai cliché dell'amante: "Siamo stati molto attenti: niente scollature, niente abiti succinti, capelli sempre in ordine. Non volevo che il mio personaggio fosse la solita donna sexy e provocante". E l'ultima battuta di Eva è un complimento alla collega Keira; "E' la migliore attrice della nostra generazione".

GUARDA LE FOTO DEL POPOLO DEL CINEMA, REGISTI E ATTORI, SUL RED CARPET OCCUPATO
SFOGLIA LA GALLERY DI KEIRA KNIGHTLEY

GUARDA LE FOTO DI EVA MENDES
GUARDA
IL BALLETTO SEXY DI EVA PER I FOTOGRAFI
LEGGI L'
INTERVISTA A KEIRA KNIGHTLEY
SCOPRI I MUST DI KEIRA KNIGHTLEY SUL TAPPETO ROSSO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).