Paolo Rossi: «Il mio film su Pomigliano, la risposta italiana ad Avatar»

16 novembre 2010 
<p>Paolo Rossi: «Il mio film su Pomigliano, la risposta italiana ad
<em>Avatar</em>»</p>

Il comico friulano è andato nello stabilimento della Fiat a vedere che cosa succede agli operai. E ne è tornato con un film che è un'opera di fantascienza. Il film sarà presentato il 2 dicembre al Torino Film Festival e il 10 uscirà al cinema. S'intitola RCL - Ridotte capacità lavorative e si apre con una citazione di Gianni Rodari: «Tutti gli usi della parola a tutti. Non perché tutti siano artisti ma perché nessuno sia schiavo».

La parola all'artista. Che cos'è RCL?

«È la risposta italiana ad Avatar».

Le vicende degli operai Fiat sono fantascienza?

«No, siamo noi fantascienza perché abbiamo girato senza mezzi, in soli quattro giorni in luglio, scrivendo il copione man mano che le cose accadevano. Alla fine, secondo me, su Pomigliano e la Fiat questo film sarà più importante di qualsiasi studio di settore, perché si cala nella vita delle persone
e le fa parlare».

Quale sguardo o frase l'ha colpita particolarmente?

«Il vecchio operaio in pensione, non faccio che pensarci. Ha raccontato che ancora
adesso, tutte le notti, sogna la catena di montaggio. Io al massimo posso sognare un teatro deserto».

Secondo lei, che cosa dovrebbero fare a Pomigliano gli operai?

«Restare uniti. Nella capacità di affrontare insieme i problemi c'è la possibilità di
farcela. Contrariamente a quello che dicono Tremonti o Marchionne, l'economia
non è solo questione di numeri: dipende anche dal valore che tu dai alle cose.
Fino a pochi decenni fa, Pomigliano aveva una società agricola, fondata sulla
condivisione, e questo permetteva di vivere meglio. Oggi invece, nella solitudine
globale, gli altri sono solo strumenti per soddisfare i nostri bisogni, mentre il bene
comune è l'unica possibilità di uscirne».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
massimo 73 mesi fa

curioso di scoprire questo film...voglio proprio vedere Rossi cosa ha capito in 4 giorni a Pomigliano. Sarà la solita retorica anticapitalista per buttare fumo negli occhi su una realtà che viene puntualmente manipolata dai media. La verità non la dice nessuno e sono sicuro che non la dice neanche Rossi. Quindi sarà la solita opera """artistica""" in cui tutti possono dire tutto in modo...fantasioso e fantascientifico!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).