Da Sunshine Cleaning all'ingegnere dei cocchi

08 aprile 2010 
<p>Da <em>Sunshine Cleaning</em> all'ingegnere dei cocchi</p>
PHOTO COURTESY OF VIDEA-CDE

Sono senz'altro ragazze intraprendenti, Amy Adams ed Emily Blunt (clicca qui per vedere la photogallery a lei dedicata), protagoniste del film Sundance Sunshine Cleaning, domani nelle sale italiane. Sorelle, per sbarcare il lunario s'inventano un lavoro alquanto originale: ripulire le scene del crimine. Le due, su chiamata, vanno sui luoghi dove si è appena compiuto un delitto o un suicidio e, armate solo di stracci e olio di gomito, eliminano ogni residuo organico. La ditta, Sunshine Cleaning appunto, riscuoterà un inaspettato successo.

Pensate che l'idea sia folle? Basta fare un giro in Rete per rendersi conto che il mondo è pieno di mestieri buffi (oltre che «sporchi», come quelli di cui da anni si occupa Mike Rowe, il conduttore del programma di Disney Channel Lavori sporchi). Si va dal restauratore di nani da giardino all'elettricista funambolo, in grado di cambiare lampadine ad altezze notevoli, come i 300 metri della Torre Eiffel. Deve avere spiccate dote di equilibrismo anche il lavavetri acrobatico, che pulisce i vetri dei grattacieli più alti del mondo. Si butta invece in acqua il raccattapalle subacqueo, che recupera le palline da golf finite nei laghetti. E c'è persino chi misura i decibel prodotti dagli scarichi del water. Ma gli impieghi più sorprendenti riguardano gli hotel di lusso: in uno a Memphys si può mandare il curriculum per un posto da «passeggiatore di anatre», mentre a San Francisco c'è chi è pagato per lucidare monetine. A Las Vegas ci si può trasformare in sirena di acquario, mentre in alcuni alberghi ai Tropici è ricercata la figura dell'ingegnere di noci di cocchi. La sua specialità? Il monitoraggio della stabilità dei frutti sugli alberi, al fine di tutelare l'incolumità delle teste dei clienti.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).