Sanremo, La Fame di Camilla esordienti stasera sul palco

18 febbraio 2010 
<p>Sanremo, La Fame di Camilla esordienti stasera sul palco</p>

Composta dal cantante Ermal Meta (di origini albanesi), Giovanni Colatorti, Dino Rubini e Lele Diana, La Fame di Camilla è l'unica band in gara per Sanremo Nuova Generazione. La prova della diretta li aspetta stasera.

A poche ore dal debutto, sale la tensione o come certi vostri colleghi avete addirittura paura del palco del Festival?

«No, paura no anche se l'appuntamento è importante e la tensione si fa sentire: speriamo di non sbagliare. Suoniamo molto dal vivo e siamo qui per farlo al meglio. Lo spirito con cui affrontiamo Sanremo è positivo, cerchiamo di fare una bella esperienza. Questa è una vetta di altissima visibilità, e da questa vetta, da cui arrivi a una marea di gente, devi avere qualcosa da dire: coglieremo stasera la nostra occasione».

Come avete trovato il palco?

«Bello e straordinariamente piccolo: in tv non si direbbe. E' fantastico suonare con l'orchestra. Questa è davvero un'esperienza diversa da tutte le altre, per un cantante».

In che senso?

«Sanremo prevede un'organizzazione tecnica particolare, ti devi relazionare con il direttore dell'orchestra e con l'orchestra stessa, cosa ovviamente inconsueta per noi. E poi c'è tutto il discorso del trucco, del look. Sanremo significa fare un sacco di cose diverse da quelle a cui siamo abituati».

Ieri sera non avete cantato perchè vi hanno inseriti nel secondo gruppo dei giovani: siete riusciti a ritagliarvi un angolo di pace dentro tutta questa confusione festivaliera?

«Avremmo voluto, se avessimo avuto del tempo libero, fare una bella corsetta lungo il mare, leggere un po' e riposarci. Ma, appunto, tutto questo ci sarebbe piaciuto farlo».

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).