Sanremo, i secondi classificati: Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici

21 febbraio 2010 

Il Festival è stato vinto da Valerio Scanu che ha 19 anni: non è più tempo per i cinquantenni?

«Il Festival di Sanremo l'anno prossimo lo faranno a Cagliari. Vincono sempre i sardi, no?», dice Pupo con una battuta (l'anno scorso ha vinto il sardo Marco Carta, nda). «Noi volevamo semplicemente portare la canzone italiana nel mondo, facendo questo tentativo».

Canonici, cos'ha provato vedendo la 'rivolta' degli orchestrali che hanno strappato gli spartiti?

«Io ero preoccupato perché ho pensato che se avessimo dovuto ricantare e quella era la nostra musica, mi domandavo come avrebbero fatto a suonare». «Io penso che questa fosse una gag preparata», aggiunge Pupo.

C'è un progetto discografico comune?

«No, la canzone la porterà in giro per il mondo Luca Canonici».

Pensavate di dividere così il pubblico?

«No, non mi aspettavo di creare questa reazione all'Ariston», spiega Pupo. «Mi spettavo di spaccare il pubblico sul consenso musicale attorno al brano perché so che c'è chi ama questo tipo di musica e chi la odia. Non so invece perché il pubblico in sala ci fischiasse».

Emanuele Filiberto, lei ha gusti musicali molto moderni. Un paese che vota un brano come quello che avete presentato voi non le fa venire voglia di tornare in esilio?

«Molte persone hanno votato la sincerità di un testo con una bella musica orecchiabile. E' però vero che io ascolto tutt'altro».

Infine, c'è un pensiero di Pupo: «Vorrei ricordare Gianni Bella, un mio amico e un grande cantautore che sta molto male».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).