Christina Aguilera. Il diavolo veste bionico

25 marzo 2010 
<p>Christina Aguilera. Il diavolo veste bionico</p>
PHOTO COURTESY SONY MUSIC

Non paga del battesimo cinematografico (da gennaio è sul set del film Burlesque, in cui recita accanto a Cher), Christina Aguilera nel 2010 fa anche il suo grande ritorno sulla scena musicale, a 4 anni dall'ultimo album di inediti e dopo la sua prima gravidanza. Con un nuovo look. Eccessivo & choc, come da tradizione.

Dopo aver giocato con lo stile bad (b*tch) girl di Stripped (2002), che sdoganò il tipo della cattiva ragazza e della suicide girl, e con il mood vintage pin-up di Back to basics (2006), tra i primi a citare la nouvelle vague del burlesque, la pop star è pronta a stupire di nuovo il pubblico reinterpretando a suo modo il filone vetero fantascientifico, alla Metropolis e alla Blade Runner, che già ha indotto in tentazione le colleghe Lady Gaga e Beyoncé.
Lo fa adottando un look robotico-sado-chic per la copertina del nuovo album, Bionic, in uscita l'8 giugno.
Ma anche la cover del primo singolo estratto, Not myself tonight, in anteprima radio esclusiva sul suo sito il 30 marzo 2010, non scherza. Qui compare in chiave vamp-feticista tutto latex (coda e corna comprese).

Abiti choc per un nuovo suono da choc? Forse.
La stessa artista, infatti, anticipa sul suo sito «Sono eccitata: non vedo l'ora che i miei fan ascoltino il nuovo sound. Si tratta di qualcosa che forse non si aspettano».
Pochi ulteriori indizi chiariscono la natura di questa sorpresa: «Ho lavorato alla ricerca di qualcosa di fresco e sexy che utilizzasse elementi sia elettronici sia organici alternando toni più ammiccanti ad altri più introspettivi».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Stilishgirl 80 mesi fa

Bellissimo ritorno....più spumeggiante che mai!!! Il nuovo singolo è uno spettacolo...proprio come lei... Guardate qui: http://www.beautydesign.it/mastoplastica/chirurgia-plastica-christina-aguilera Non è bellissima?

Gemma 81 mesi fa

Meglio nella copertina dell'album che a me ricorda tanto quel film con Yul Brinner ... Il mondo dei robot, forse

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).