Addio a Malcolm McLaren, genio dei Sex Pistols

09 aprile 2010 

È morto in un ospedale in Svizzera Malcolm McLaren, manager del gruppo punk inglese Sex Pistols ed ex partner in affari e compagno della stilista Vivienne Westwood. Aveva 64 anni, da lungo tempo era malato di cancro. «Sarà sepolto a Londra, nello storico cimitero di Highgate di North London», non lontano da dove era nato, ha annunciato il suo agente, Les Molloy. McLaren, è stato cresciuto nella Londra post bellica dalla madre, abbandonata da un padre giovanissimo quando aveva appena due anni, e ancora di più dalla nonna Rose Corre Isaacs, figlia di un mercante di diamanti portoghese sefardita, che amava tramandargli: «It's good to be bad, and it's bad to be good».

McLaren lascia casa da adolescente, studia in scuole d'arte in Gran Bretagna, viene espulso da molte, comincia a disegnare vestiti. Prima da solo, poi in coppia con Vivienne, la sua ragazza. Aprirà una negozio di abbigliamento nel 1971, con la boutique di Vivienne Let It Rock, a King's Road. Nella sua vita, ha venduto magliette strappate, vestiti sado-maso, per teddy boy e rockettari, costumi per il teatro e il cinema. E suscitato non pochi arricciamenti di naso: la BBC mise al bando il singolo God save the queen. Non ci fu storia: si presentò con la sua band su una barca sul Tamigi, per un concerto davanti al Parlamento, la barca fu intercettata, lui fu arrestato. Scalò la classifica fino in vetta. Era il 1977, ed era il 25esimo anniversario dall'incoronazione della Regina Elisabetta.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
pinkleopard 45 mesi fa

tipo..mai letto una minima storia delle origini del punk? Quest'uomo non era un genio, ma un manager senza scrupoli, che è riuscito a commercializzare una musica, o meglio uno stile di vita come il punk unicamente per il suo benessere personale, dato che quei 4 disgraziati dei pistols non venivano minimamente pagati e contribuendo così alla commercializzazione di un genere che, per definizione, nasce da un profondo disagio, finendo, quindi, per costituire la prima boyband della storia!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).