Amici, Pierdavide Carone: «Sogno di scrivere per Mina»

09 aprile 2010 
<p><em>Amici</em>, Pierdavide Carone: «Sogno di scrivere per
Mina»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Si sente fortunato Pierdavide Carone, il cantautore terzo classificato ad Amici: la sua canzone ha contribuito alla vittoria di Valerio Scanu a Sanremo, ha conquistato il premio della critica e il suo album d'esordio, Una canzone pop (Sony), ha venduto 60mila copie in soli tre giorni. Non solo: continua l'amore trovato negli studi di Cinecittà. La storia con la ballerina Grazia Striano va ancora forte.

Pierdavide, come sta vivendo questo successo?

«Sono sulle stelle, sia perché il mio lavoro di cantautore è finalmente apprezzato, sia perché è un momento magico anche nel privato».

I suoi genitori come hanno reagito?

«In poco tempo mi hanno visto passare dalla frustrazione di fare l'esattore ai caselli autostradali di mezza Puglia (Pierdavide vive in provincia di Taranto, ndr) a duettare in Tv con Fiorella Mannoia. Sono orgogliosi di me».

Deluso per non aver vinto la trasmissione?

«Noi quattro finalisti ci aspettavamo una finale tutta al femminile. Sono contento per Emma, meritava di vincere. E io non posso lamentarmi: ad Amici ho trovato l'amore vero che, nella mia scala di priorità, occupa il primo posto. Di più non potevo chiedere».

Il premio della critica vale 50mila euro. Che ne farà?

«Per ora li metto da parte e spero, aggiungendoci qualcosa, di poter comprare una casa: nella vita il vento può cambiare e mi sembra importante pensare al futuro rimanendo con i piedi per terra».

Una casa è il primo passo per formare una famiglia. Ha già progetti con Grazia?

«Siamo innamorati e, quando i suoi impegni glielo consentono, è sempre al mio fianco. Diciamo che conviviamo già, anche se in stanze degli alberghi anziché in una vera casa».

Passiamo all'album, Una canzone pop: come lo descriverebbe?

«È autobiografico, lo specchio della mia vita. Parla di me, della mia visione del mondo. Il fatto che stia andando bene mi fa capire che in molti si rispecchiano».

C'è una canzone a cui è particolarmente legato?

«Senza dubbio Una canzone pop, che non a caso dà il titolo all'album. È la canzone che mi ha aperto le porte di Amici quando mi sono presentato ai provini: tutto quello che sta succedendo oggi ha avuto inizio da quella canzone».

Rino Gaetano è una delle sue fonti d'ispirazione.

«È il mio punto di riferimento, almeno per i testi più ironici come La ballata dell'ospedale».

Un sogno?

«Scrivere per Mina».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).