Laurie Anderson: «Per me e Lou ogni giorno è un perfect day»

22 giugno 2010 
<p>Laurie Anderson: «Per me e Lou ogni giorno è un perfect day»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

La musicista, artista e performer (nonché compagna per 16 anni, e moglie da due, dell'ex dannato del rock Lou Reed) ha appena compiuto, il 5 giugno, 63 anni. Ma in questo momento, con la luce alle spalle, non sembra molto diversa da quando, nel 1980, cantava O Superman, la canzone che la fece conoscere al grande pubblico e finì al secondo posto della classifica dei singoli più venduti in Inghilterra. Un successo inaspettato per un'artista sperimentale molto snob (per sua stessa ammissione), inventrice di nuovi strumenti, come il tape-bow violin, un violino con un nastro magnetico sull'archetto, e così tecnologicamente raffinata da essere stata scelta, nel 2002, come prima «artista residente» alla Nasa.

Una curiosità: ma perché vi siete sposati dopo 16 anni insieme?
«Eravamo in California, stavamo passeggiando e io gli raccontavo di tutte le cose che non avevo mai fatto in vita mia. "Ci sono così tante esperienze che vorrei vivere, per esempio trascorrere un anno a Roma, imparare il tedesco, studiare fisica, sposarmi. È capitato di parlarne, ma non abbiamo mai deciso di farlo", dissi. "Che ne dici di domani?", domandò lui. E così il giorno dopo ci siamo sposati. È stato un matrimonio impulsivo fra due persone che stavano insieme da tantissimi anni. Una cosa totalmente diversa da quella che può essere un'unione fra due persone che si conoscono da un mese, da un anno o anche da cinque. Così diversa che bisognerebbe chiamarla con un altro nome».


Pensavo alla canzone di Lou Reed, Perfect Day. Il vostro giorno perfetto com'è? «Non vorrei che suonasse come un cliché, ma per me ogni giorno è perfetto. Anche se le cose non vanno bene, anche se sono infelice. Trovo che la sofferenza sia, comunque, interessante, e cerco di fare tesoro persino delle giornate noiose. Col tempo, ho imparato a non distinguere tra giorni buoni e cattivi. Non metto in fila i miei giorni perfetti come una collezione di farfalle».

L'intervista completa su Vanity Fair n.25/2010 in edicola da mercoledì 23 giugno

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).