Jovanotti: «Io lo so che non sono solo»

04 gennaio 2008 
<p>Jovanotti: «Io lo so che non sono solo»</p>
PHOTO LAPRESSE

Il suo mantra recita: «È sempre meglio adesso». Lo ripete mentre l'auto in riserva viaggia nella campagna toscana per andare in soccorso di un amico che ha distrutto l'auto a Scandicci. Deve avere un congegno nell'autoradio per intercettare le stazioni che trasmettono la sua ultima canzone, Fango, perché facciamo chilometri e da Rds a Radio Incontri («quella del parroco di Cortona») è sempre la stessa musica: «Io lo so che non sono solo anche quando sono solo». Buffo, c'è Jovanotti che canta nella radio e c'è Lorenzo Cherubini che batte il ritmo sul volante e accompagna se stesso tutto contento, come uno che ascolta una canzone che gli piace.
Affondiamo le colline nel retrovisore, scendiamo verso la notte e il casello, c'è un traffico che impone ritardi, la sua compagna lo avverte che a casa si è rotto il riscaldamento, l'amico dall'area di servizio sollecita con gentilezza e qualche allarme.
È sempre meglio adesso?
«Sì».
Va bene, ma mi racconti come era cominciata?
«Roma, 1966. Nasco terzo figlio, che è già un vantaggio, perché sui primi i genitori esercitano più controllo, hanno più speranze, dopo abbassano la guardia e così sono stato più libero».
Padre severo?
«No, benché una specie di poliziotto, una guardia vaticana. Sono cresciuto con la Radio Vaticana nel citofono, nel telefono, perfino al frigorifero, in una stanza che alla finestra aveva il cupolone, ho toccato un Papa, mio padre ci ha viaggiato».
Tornava con racconti di meraviglie e miracoli?
«Mah, aveva accesso ai regali che il Papa scartava. A un certo punto, la casa ha cominciato a riempirsi di maschere africane. Poi è andato in Sudamerica e al ritorno mi ha detto che il Papa aveva ricevuto due pappagalli brasiliani, che erano enormi e se guardavo la finestra li avrei visti volteggiare su San Pietro. L'ho fatto per ore, giorni, niente».
O era una metafora dello Spirito Santo o tuo padre è un burlone.
«È un grande affabulatore, ha un talento per narrare e sa farsi credere. Andò in Asia e al ritorno disse che mi aveva comprato una spada da samurai, ma siccome non poteva imbarcarla in aereo, l'aveva spedita. Me la descrisse, vedevo la lama lucente, mi faceva sentire il sibilo dei fendenti, diceva che quando colpiva faceva una scintilla, così, zip. Io
l'ho aspettata, aspettata...».
Ammettilo, c'è una parte di te che ancora si aspetta che il postino un giorno bussi con un pacco e dentro c'è la spada del samurai: non è questa la fede che stava cercando di insegnarti tuo padre?

«Lui era molto devoto al Papa, io preferisco San Francesco, dà più gioia».
Tu e tuo padre siete un raro caso di maschi appartenenti a generazioni diverse che si parlano?
«In realtà stiamo riuscendo a farlo soltanto adesso. Da quando lui si è ammalato. Lo accompagno a fare la chemioterapia, lo riporto a casa, lui tira fuori un sacco di cose. Sta reagendo, molto bene anche. E gli è venuta una specie di adrenalina da quando, due mesi fa...».
Ci fermiamo al distributore. Il benzinaio riconosce Jovanotti, ma dopo uno slancio di allegria si frena. Dice: "Condoglianze, mi è dispiaciuto molto per suo fratello". Lui ringrazia, gli stringe la mano, sorride, saltella dentro l'auto.
«... Umberto era il fratello grande, diciannove anni nella stessa camera. Era quello straordinario, quello cristiano, quello che scrisse nel tema: "Amo Dio e gli uomini". È morto con l'aereo, incredibile, non facevamo che parlarne, ero diventato anch'io un esperto di incidenti aerei a forza di chiedergli: "Come fa un aereo ad andare giù?". Poi il suo aereo è andato giù...».

CONTINUA

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).