Milly Carlucci: «Squadra che vince...»

10 gennaio 2010 
<p>Milly Carlucci: «Squadra che vince...»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Raiuno batte Canale 5 nella prima vera sfida del sabato sera televisivo del nuovo anno. La prima puntata della sesta edizione di Ballando con le stelle infatti ha battuto Io canto: lo show condotto da Milly Carlucci ha calamitato infatti 6,25 milioni di telespettatori (share del 29,25%), mentre la trasmissione con i piccoli cantanti di Gerry Scotti si è fermata a quota 4,9 milioni (share del 21,27%).
Vittoria che conferma quanto detto da Milly Carlucci poco prima del via: «Squadra che vince (autori, format e giuria), non si cambia.
Le novità saranno centellinate durante le prossime nove serate: le prove cui sottoporremo i nostri concorrenti, a partire dalla terza puntata, cercheranno di mettere loro i bastoni tra le ruote, perché ormai sono sempre più bravi».

Dodici concorrenti, sei maschi e sei femmine, per ognuno dei quali abbiamo chiesto una definizione alla conduttrice: Ronn Moss è «una sorpresa: molto simpatico e alla mano»; Barbara De Rossi è «scoppiettante, affascinante»; Lorenzo Crespi «un fiero italiano del Sud»; Raz Degan è «il bel tenebroso»; Margherita Granbassi si rivela «una scoperta sexy»; Maria Concetta Mattei «deliziosa ed estroversa»; Cecilia Capriotti è «dolce e piccante al tempo stesso»; Benedetta Valanzano «maliziosa»; Stefano Pantano è «un cavaliere senza macchia e senza paura»; Veronica Olivier «una Marilyn del 2010»; infine Stefano Masciolini è «un ragazzo di oggi, bravo ma spericolato».
E Maurizio Battista, che ballava in coppia con Vicky Martin, ed è stata la prima vittima del televoto? «Un'esplosione di simpatia». Peccato non gli sia bastata.

Appuntamento a sabato 16 gennaio con la seconda serata.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).